Editoriale

Le acrobazie di Gerhard Pfister

Il Presidente del Centro (ex PPD) auspica l’introduzione di dazi sul clima e la fornitura di munizioni agli Stati in guerra. Ieri invece sosteneva l’esatto contrario. Con la sua politica di sinistra, Pfister non solo sta distruggendo la propria credibilità, ma anche il modello di successo svizzero.

La sua ultima proposta potrebbe essere uscita direttamente dai laboratori della “Gauche caviar” e dei Verdi paternalisti. Nel fine settimana, Gerhard Pfister ha invocato nuove tasse su tutte le emissioni di CO2. Per i biglietti aerei, per i prodotti importati, per tutto. I giornali del gruppo CH Media, che hanno lanciato le idee di Pfister sulla cura dell’eco-coppettazione, hanno parlato di “piani radicali”. C’è stato un applauso da parte dei rosso-verdi. Ma il prezzo sarebbe elevato. La benzina, i voli, i beni di consumo diventerebbero enormemente più costosi a causa delle tariffe climatiche di Pfister. Per molti cittadini, ma anche per le PMI, la soglia del dolore è già stata raggiunta. La benzina non è mai stata così cara. E il popolo non ha forse respinto la legge sulla CO2, che prevedeva proprio queste tasse?

Il voltagabbana Pfister sull’abbandono del nucleare
Fino a poco tempo fa, Pfister era considerato la roccia conservatrice del Centro, ex PPD. Il partito noto come campione del mondo di slalom politico. Ma ora il Presidente sta superando tutti con la sua agilità.

Ciò non è evidente solo nella politica climatica. Solo pochi mesi fa Pfister ha votato a favore di un inasprimento della legge sull’esportazione di materiale bellico. Per poi chiedere l’esportazione di materiale bellico a Stati in guerra come l’Ucraina. Anche il quotidiano di sinistra Tages-Anzeiger non ha visto di buon occhio questo “salto mortale al Centro”.

Per Pfister, ciò che era vero ieri non è più vero oggi. “Gerhard Pfister è contrario all’abbandono del nucleare e mette in guardia dall’arroganza parlamentare”, scriveva la NZZ am Sonntag nel 2014. Dire una cosa, farne un’altra: questo è il motto di Pfister e del suo partito. Perché cosa hanno fatto subito dopo? Con la consigliera federale Doris Leuthard al timone, hanno attuato l’abbandono del nucleare e reso omaggio all'”arroganza” di influenzare il clima globale con misure politiche nella piccola Svizzera. E chi sta marciando in prima linea con i suoi “piani radicali” (CH Media): il voltagabbana Gerhard Pfister.

Il Presidente del Centro si smonta da solo
L’aspetto pratico di questi politici banderuola è che si contraddicono nel modo più evidente e quindi si smantellano subito. Non c’è modo migliore per dirlo di come l’ha detto dazi-climatici-Pfister nell’ottobre 2013 (“Preservare la Svizzera come modello di successo”): “Le nostre emissioni di CO2 possono essere elevate”, ha scritto all’epoca. “Ma quello che la Svizzera emette in un anno intero, la Cina lo emette in due giorni. Dobbiamo chiederci se stiamo davvero stabilendo le nostre priorità se facciamo tutto il possibile a scapito della Svizzera come luogo di produzione, in modo che la Cina abbia bisogno di un solo giorno per le nostre emissioni annuali in futuro”.

Esattamente, caro Gerhard Pfister: dobbiamo pensarci bene. Oggi le vostre politiche stanno distruggendo la base industriale della Svizzera, che ieri dicevate di voler difendere. Se tu dici volontariamente addio alla politica seria, è un problema tuo. Ma se tu, insieme alla sinistra unita, distruggi il modello di successo della Svizzera, è un problema di tutti noi. L’UDC non è d’accordo!

Condividi articolo
Temi
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (AG)
Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Thomas Matter
La nostra fornitura di energia elettrica è già seriamente compromessa quest'inverno. Oltre a una politica energetica sbagliata,... continua a leggere
Conferenza stampa
Condividi articolo
21.07.2022
La Svizzera sta affrontando una crisi energetica di proporzioni senza precedenti, con conseguenze catastrofiche per tutti. Gli... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo