Editoriale

L’iniziativa contro la dispersione degli insediamenti è superflua

L’iniziativa popolare contro la dispersione degli insediamenti tematizza delle preoccupazioni reali della popolazione. Essa sembra quindi, a prima vista, molto positiva. Il problema è che i suoi autori vanno ben oltre l’obiettivo mirato. Io mi oppongo perciò a questo progetto per le ragioni che sviluppo qui di seguito. Innanzitutto, la modificata legge sulla pianificazione del territorio (LPT), che è in corso d’applicazione, riprende quasi integralmente le richieste degli iniziativisti. Essa orienta lo sviluppo dell’habitat verso l’interno e protegge i terreni coltivabili. I comuni che posseggono eccessive riserve di terreni edificabili devono declassarli. La seconda revisione della LPT imporrà inoltre delle regole vincolanti per la costruzione al di fuori delle zone edificabili. Il Parlamento l’esaminerà nel 2010.

Rincaro dell’alloggio
In secondo luogo, questa iniziativa provoca un congelamento completo della classificazione di terreni edificabili. Poiché la Confederazione prevede una forte crescita demografica, ne seguirebbe rapidamente una penuria di spazi abitabili e di terreni industriali. Il fabbisogno supplementare di alloggi dovrebbe essere totalmente coperto all’interno delle zone edificabili esistenti. Le PMI e le aziende industriali non potrebbero più ingrandirsi. Da cui, una minaccia per l’impiego.

Terzo, la penuria di terreni edificabili provocata dal congelamento della classificazione di zone edificabili, causerebbe un aumento del prezzo degli alloggi di cui patirebbero tanto i proprietari quanto i locatari.

Quarto, questa iniziativa vieta ai comuni e ai cantoni qualsiasi pianificazione del loro sviluppo. Essa provocherebbe una discriminazione di taluni cantoni: quelli che si sono generosamente dotati di terreni edificabili sarebbero avvantaggiati rispetto a quelli che hanno fedelmente adempiuto al loro dovere utilizzano parsimoniosamente il loro suolo.

Aumento delle importazioni di derrate alimentari
Quinto, questa iniziativa avrebbe delle gravi conseguenze per la produzione agricola fuori suolo. Essendo proibita la costruzione di installazioni per la produzione fuori suolo, le aziende producenti uova, volatili o energie rinnovabili non potrebbero più ampliarsi. La conseguenza sarebbe una dipendenza ancora più marcata del nostro paese dalle sue importazioni di derrate alimentari.

Tutti questi argomenti hanno indotto il Consiglio federale, il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati a un rifiuto chiaro e netto dell’iniziativa. Vi raccomando perciò anch’io di deporre un convinto NO nell’urna il prossimo 10 febbraio.

Condividi articolo
Temi
Circa l‘autore
SVP Consigliere nazionale (AG)
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
21.12.2018, di Christian Imark
I partiti di sinistra e organizzazioni ambientaliste tentano, sotto la copertura della protezione del clima e del... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
11.12.2018
L'UDC si è battuta contro la legge sul CO2. Questo, progetto ostile alla proprietà privata e all’economia,... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.11.2018
Il gruppo parlamentare UDC ha esaminato ieri la revisione totale della legge sul CO2, progetto iscritto nel... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sport

Fa bene al corpo e allo spirito.

Religioni

Dalla parte dei nostri valori.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Ambiente

Un ambiente intatto per i nostri successori.

Media

Più varietà, meno Stato.

Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo