Editoriale

L’UE viola l’accordo di Dublino e la consigliera federale osserva senza reagire

L’UE se ne infischia dell’accordo di Dublino. Per anni, delle decine di migliaia di migranti economici si sono ammassati in Svizzera mentre, secondo l’accordo di Dublino, i paesi di prima accoglienza – nella fattispecie in particolare l’Italia, la Grecia e la Spagna – erano responsabili della loro registrazione con rilevazione delle impronte digitali. Poi, la Germania ha volontariamente cortocircuitato l’accordo di Dublino con la sua politica di benvenuto a tutti i migranti (citazione di Angela Merkel: “Wir schaffen das!” (Ce la faremo!) che invita esplicitamente i migranti economici a entrare illegalmente nello spazio UE. Poi, sempre in violazione dell’accordo di Dublino, sono arrivati i programmi di ridistribuzione dei migranti economici nei paesi dello spazio di Dublino, fra i quali figura anche la Svizzera.

I recenti avvenimenti sono ancora più inquietanti: la Germania rifiuta esplicitamente di riprendere dei casi chiaramente coperti dall’accordo di Dublino. Un esempio: un Iracheno deposita dapprima una domanda d’asilo in Germania, poi in Svizzera, semplicemente “perché la situazione nei campi d’accoglienza tedeschi non è buona”. Ma la Germania rifiuta di riprendere questo richiedente il cui caso è perfettamente conforme ai termini dell’accordo di Dublino.

Questo comportamento svuota l’accordo di Dublino di qualsiasi senso: ai termini di questa convenzione, delle richieste multiple di una stessa persona non vengono più trattate, ma il richiedente in questione deve essere ripreso dal paese di prima accoglienza. Il Consiglio federale scriveva testualmente a questo riguardo nelle sue spiegazioni prima della votazione del 5 giugno 2005 sugli accordi di Schengen/Dublino, che questi trattati impediscono le richieste d’asilo multiple e abusive. Le persone aventi già depositato una domanda d’asilo in un altro paese sono identificate mediante la banca di impronte digitali Eurodac e rinviate al paese di prima accoglienza, aveva precisato il governo.

Le conseguenze di questa violazione dell’accordo di Dublino sono prevedibili ed evidenti: non essendo le frontiere svizzere più protette da quando è stato firmato l’accordo di Schengen, i migranti economici saranno ancora più numerosi a entrare in Svizzera per depositarvi una domanda d’asilo, nella speranza di poter restare nel paese.

Invito la consigliera federale Simonetta Sommaruga a non cedere silenziosamente a questo ricatto della Germania, ma a tenervi testa:

  1. Ancora oggi dei migranti economici varcano tutti i giorni la frontiera svizzera provenendo dall’Italia, per depositare una domanda d’’asilo nel nostro paese. Queste persone devono essere sistematicamente intercettate alla frontiera e rinviate in Italia.
  2. 3 richiedenti su 5 spariscono nella natura, soggiornando senza dubbio illegalmente in Svizzera. Bisogna porre fine a queste negligenze. I richiedenti l’asilo la cui domanda è stata respinta devono essere installati in centri chiusi e immediatamente rinviati, se necessario espulsi con la forza.
  3. Dopo il ricatto effettuato dall’UE con il rifiuto di attuare l’accordo sugli ostacoli tecnici al commercio e il rifiuto dell’equivalenza delle borse. la Svizzera deve finalmente prendere delle misure di ritorsione equivalenti di fronte a queste violazioni di accordi.
Circa l‘autore
SVP Consigliere nazionale (BE)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
12.08.2018
Nell’odierna edizione del domenicale "Sonntagszeitung", i presidenti dei partiti PPD, PLR e PS chiedono unanimemente l’arresto dei... continua a Leggi
Editoriale
Condividi articolo
11.07.2018, di Thomas Matter
Noi avversari dell’accordo-quadro Svizzera/UE ci sentiamo dire in continuazione che non dobbiamo esprimerci su un progetto di... continua a Leggi
Comunicato stampa
Condividi articolo
04.07.2018
Il Consiglio federale ha presentato oggi un bilancio intermedio dei negoziati su un accordo-quadro con l’UE. Non... continua a Leggi
Continua
Temi e posizioni
Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Ambiente

Un ambiente intatto per i nostri successori.

Sanità

Qualità grazie alla concorrenza.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Famiglia

Responsabilità personale invece di controllo.

Media

Più varietà, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo