Editoriale

Morti per fame a causa della politica verde del Consiglio Federale

La guerra in Ucraina ci mostra ancora una volta chiaramente quanto le politiche sbagliate degli ultimi anni ci abbia reso dipendenti. La strategia energetica è fallita, il Consiglio Federale sta progettando centrali a gas a ciclo combinato con gas proveniente dalla Russia, vista la decisione frettolosa di eliminare l’energia nucleare presa dall’allora Consigliera Federale Leuthard (PPD).

Contare le farfalle invece di coltivare?
In Ucraina, il granaio d’Europa, quest’anno si produrrà molto meno grano a causa della guerra. Questo porterà a grandi carestie in molte aree del pianeta. Ma al Consiglio federale ciò non interessa. C’è ancora l’opinione che per la ricca Svizzera non sia un problema procurarsi il cibo da qualche parte sul pianeta. Cibo che verrebbe a mancare alle persone più povere del mondo e porterebbe molte sofferenze e morti.

Per anni, i burocrati dell’agricoltura hanno promosso il conteggio delle farfalle invece di concentrarsi sulla produzione di cibo. Anche questa primavera! Mentre in Europa, dallo scoppio della guerra in Ucraina, le persone sono alla ricerca di alternative per produrre cibo a sufficienza, nel nostro Paese, il Consiglio federale continua allegramente a ridurre la produzione alimentare svizzera decidendo di convertire il 3,5% dei terreni coltivabili. Invece di produrre grano, devono essere piantati prati fioriti. Ciò significa che avremo meno pane prodotto con grano svizzero a disposizione per 1 milione di persone all’anno. 3,5% equivale a 10.000 ettari di grano in meno sui campi svizzeri.

Pericolo di grandi flussi di migranti a causa della fame e dei disordini
La politica alimentare scriteriata del Consiglio Federale spingerà molte persone in tutto il mondo a fuggire. Questi flussi di migranti colpiranno con forza anche la Svizzera. Per ogni chilo di cibo che non produciamo in Svizzera, aumentiamo la fame nel mondo. Secondo informazioni attendibili, in Libano sono rimaste solo tre settimane di cibo. La Germania ha reagito. 1 milione di ettari di terreni biologici sono stati liberati dal Ministro verde dell’agricoltura Özdemir per produrre cibo. Solo il nostro Consiglio Federale, soprattutto Simonetta Sommaruga, Viola Amherd e Alain Berset, dormono ancora nel torpore ecologico. Ora è necessario un immediato cambio di rotta.

L’UDC farà tutto il possibile per sostenere gli agricoltori svizzeri e quindi la fornitura di alimenti svizzeri alla popolazione.

Condividi articolo
Temi
Categorie
#allgemein
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (SZ)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.07.2022
Ad un esame più attento, il rapporto del Consiglio federale sulla nutrizione si rivela del tutto inadeguato.... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
25.05.2022
A settembre si tratterà di garantire il futuro della Svizzera. Il Consiglio federale ha deciso oggi che... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
14.04.2022
L'UDC non è assolutamente concorde con le decisioni del Consiglio federale sull'attuazione del controprogetto indiretto alle due... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo