Editoriale

NO all’iniziativa popolare AVSPlus

L’iniziativa AVSPlus, che propone di aumentare le rendite AVS del 10%, deve essere fermamente respinta. Infatti, non solo la previdenza professionale, ma anche tutto il mercato del lavoro si trovano ad affrontare delle enormi sfide legate all’invecchiamento della popolazione. I pensionati sono sempre più numerosi, mentre che il numero di quelli che pagano i premi va vieppiù diminuendo. Come risulta da inchieste effettuate nei diversi settori professionali del nostro paese, la differenza fra il numero dei pensionamenti e l’arrivo sul mercato del lavoro di manodopera indigena diminuisce ogni anno. Entro il 2030, questo rapporto sarà di 2 a 1 in molti settori.

Delle spese insensate

L’iniziativa AVSPlus genererebbe 5,5 miliardi di franchi di spese supplementari l’anno entro il 2030, il che è totalmente insensato nella nostra situazione demografica. E degli oneri supplementari di questa entità non mancherebbero di accentuare ancora di più i problemi finanziari prevedibile per l’AVS e di creare nel contempo un caos totale in materia di rendite AVS che colpirebbe molto rapidamente i pensionati di oggi e di domani.

Un’estensione più generosa delle prestazioni, come quella proposta dagli iniziativisti, nuocerebbe gravemente alla nostra economia perché, da una parte causerebbe un aumento dei prelievi salariali per impiegati e datori di lavoro e, dall’altra, comporterebbe un aumento supplementare dell’1,5% dell’IVA, il che non è accettabile.

Una diminuzione delle prestazioni complementari

Molti pensionati con reddito basso dipendono oggi da prestazioni complementari. Queste coprono esattamente lo scarto fra il bisogno dimostrato e il reddito disponibile. Ora, l’aumento delle rendite AVS avrebbe, quale conseguenza diretta, una diminuzione in ugual misura delle prestazioni complementari. Ciò significa non avere un solo franco disponibile in più. Per contro, dei pensionati più abbienti che non percepiscono prestazioni complementari vedrebbero la loro rendita AVS aumentare.  

Una cattiva soluzione

Certo, il supplemento del 10% aumenterebbe le rendite AVS versate, tuttavia, l’aspetto determinante per valutare l’iniziativa è quello delle risorse. L’iniziativa causerebbe un aumento del deficit di ripartizione di 3,3 miliardi di franchi. Noi dobbiamo però sostenere una previdenza sopportabile e, soprattutto, stabile in modo duraturo. Bisogna perciò trovare delle soluzioni accettabili dal punto di vista sociale ed economico nell’ambito della riforma in corso della previdenza-vecchiaia 2020 e, soprattutto, respingere questa iniziativa popolare “AVSPlus” che non tiene conto della situazione già delicata e che comprometterebbe ancora di più le prospettive già oscure della previdenza-vecchiaia. SÌ a rendite sicure, NO a esperimenti costosi come quelli proposti da questa iniziativa.    

 

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
15.11.2019
Lo scivolone a sinistra che ha avuto luogo con le elezioni federali dello scorso 20 ottobre, sta... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.11.2019
Riunito oggi (01.11.2019) a Glattfelden (ZH), il comitato di UDC Svizzera ha deciso di sostenere un eventuale... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
28.08.2019
Il Consiglio federale ha approvato oggi il suo messaggio indirizzato al Parlamento, concernente la riforma dell’AVS. L’UDC... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Media

Più pluralità, meno Stato.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo