Editoriale

NO all’irresponsabile iniziativa sulla responsabilità delle imprese!

Il prossimo 29 novembre saremo chiamati a votare sull’iniziativa «Per imprese responsabili – a tutela dell’essere umano e dell’ambiente». Pur apparendo a prima vista ragionevole, questo progetto è in realtà estremamente pericoloso. L’accettazione di questa iniziativa non aiuterebbe assolutamente le popolazioni povere del mondo, in compenso nuocerebbe moltissimo alle imprese svizzere – e ciò nel bel mezzo della più grave crisi economica subita dal nostro paese da 50 anni a questa parte.

Lanciata da organizzazioni di sinistra che pretendono di difendere I diritti dell’uomo e l’ambiente, l’iniziativa «Per imprese responsabili» esige dalle società industriali svizzere che rispettino anche all’estero i diritti dell’uomo e gli standard ambientali. Ciò che in teoria apparirebbe ragionevole è, nella pratica, estremamente nocivo. Infatti, secondo il testo dell’iniziativa, ogni impresa svizzera e i suoi fornitori esteri dovrebbero assumersi la responsabilità di presunte inadempienze commesse nel mondo intero. Dei tribunali svizzeri sarebbero incaricati di esaminare e punire questi atti. In altre parole, gli autori dell’iniziativa esigono, in flagrante violazione della sovranità di altri Stati, che la Svizzera giochi a fare il gendarme del mondo e imponga il suo regime giuridico a livello internazionale.

Gli autori dell’iniziativa insinuano che la Svizzera tragga profitto da affari disonesti, in particolare nel Terzo mondo. Essi gettano il sospetto su tutte le imprese svizzere che hanno attività internazionali. Esiste senza dubbio qualche pecora nera che sfrutta la miseria di certe popolazioni e distrugge l’ambiente. Si tratta tuttavia di una piccola minoranza. Già oggi, le imprese svizzere sono severamente regolamentate e soggette a uno stretto controllo statale. Inoltre, le società con attività internazionali subiscono il controllo dei paesi nei quali agiscono.

Invece di porre le pecore nere di fronte alle loro responsabilità, come sarebbe giusto, questa iniziativa obbliga tutte le imprese a dimostrare la loro innocenza. Tutte le imprese elvetiche attive a livello internazionale dovrebbero provare che né loro né i loro fornitori all’estero violano i diritti umanitari e gli standard ambientali. Questa esigenza è quasi impossibile da soddisfare nella pratica, a causa della complessità delle catene di fornitori. Essa provoca dei gravi oneri amministrativi e dei costi esorbitanti, per cui minaccia in fin dei conti i posti di lavoro. E ciò, in un momento in cui la pandemia di Covid-19 rischia di mettere in disoccupazione delle centinaia di migliaia di persone.

L’iniziativa «Per imprese responsabili» è irresponsabile, perché comporterebbe una valanga di procedure giudiziarie contro delle imprese svizzere, ignorando un punto essenziale del nostro sistema giuridico, ossia la presunzione d’innocenza. Infatti, questo progetto inverte l’onere della prova, per cui un’impresa incriminata deve dimostrare di essere innocente.

Questa iniziativa poggia su delle illusioni e suscita false speranze. I suoi autori irresponsabili minacciano dei posti di lavoro non solo in Svizzera, ma anche nei paesi esteri che pretendono di aiutare. Ci si può infatti aspettare che, in caso di successo di questa iniziativa, delle società svizzere si ritirino dai paesi in via di sviluppo, provocando improvvisamente delle perdite di posti di lavoro e la progressione della povertà.

Vi invito perciò vivamente a dire NO, il 29 novembre prossimo, a questa discriminazione delle imprese svizzere e alla pretesa di qualche benpensante sinistroide che vuole imporre al mondo intero i princìpi del nostro standard giuridico.

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Presidente del partito UDC Svizzera (TI)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.05.2022
L'UDC si è sempre impegnata per una maggiore sicurezza e quindi per il controllo dei confini nazionali.... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
20.05.2022
Il gruppo parlamentare dell'UDC si è riunito a Basilea in preparazione della sessione estiva. Durante la sessione... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
19.05.2022, di Walter Wobmann
Il governo federale sta pianificando una gigantesca raccolta di dati per applicare la sua politica unilaterale e... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo