Editoriale

Per la nostra salute e per i lavoratori di questo paese, bisogna sospendere la libera circolazione delle persone!

La pandemia di COVID-19 e, ancora di più, le misure ordinate dal 13 marzo, hanno provocato una paralisi senza precedenti in tutto il paese, sprofondandolo in una crisi economica e sociale altrettanto senza precedenti. Un terzo dei salariati di questo paese (1,85 milioni) è in disoccupazione parziale e più di 150’000 persone sono in disoccupazione totale.

Una volta arrestata la propagazione del virus, bisognerà perciò arginare la crisi economica e difendere i posti di lavoro di questo paese.

Le frontiere proteggono efficacemente, l’Unione europea no

Con che mezzo? Lo stesso che il Consiglio federale ha identificato come determinante per preservare la nostra salute: il controllo e, se necessario, la chiusura delle nostre frontiere. Quando le cose vanno male, le frontiere proteggono.

Tutti i paesi firmatari dell’accordo sulla libera circolazione delle persone (ALCP) l’hanno riconosciuto: senza alcuna preoccupazione per l’interesse comune, hanno agito in ordine sparso, guardando unicamente ai loro interessi nazionali. Da parte sua, l’Unione europea s’è dimostrata incapace della benché minima influenza decisionale nella gestione di questa crisi.

Il parlamento vota la riapertura delle frontiere

Ed ecco che, accettando la mozione 20.3130 «Graduale apertura delle frontiere e ripristino della libera circolazione delle persone», una maggioranza del Consiglio nazionale (senza l’UDC!) auspica il ripristino rapido della libera circolazione delle persone e una gestione coordinata della pandemia nello spazio Schengen. Ed ecco che il Consiglio federale fa altrettanto, annunciando per l’11 maggio diversi allentamenti delle restrizioni d’accesso in Svizzera, e questo senza alcun controllo sanitario all’entrata!

Eppure, questa libera circolazione delle persone che la lobby mondialista desidera ripristinare al più presto, dopo essere stata una libera circolazione del virus, non deve diventare quella dei disoccupati! Non abbiamo il diritto di esporre i lavoratori di questo paese, già duramente provati dalla crisi, al rischio di perdere il loro impiego a causa di una concorrenza internazionale esacerbata.

Le frontiere ci proteggono in maniera determinante dalla propagazione del virus. Proteggeranno altrettanto bene i nostri posti di lavoro!

Bisogna agire adesso per proteggere i lavoratori

La logica dell’azione di questa lobby, purtroppo seguita dal Consiglio federale, va così verso l’esatto contrario degli interessi dei lavoratori vittime della crisi: invece di proteggerli mantenendo dei controlli adeguati alle frontiere, se del caso sospendendo per una durata limitata l’ALCP, si vuole esporli al più presto ai rischi della libera circolazione delle persone, incarnazione europea della mondializzazione e di una divisione internazionale del lavoro, di cui questa crisi avrà segnato il fallimento.

Per l’UDC, solo partito a difendere veramente gli interessi dei lavoratori di questo paese, è nostro dovere – come lo permette esplicitamente l’ALCP (art. 14, cpv 2) in presenza di «difficoltà serie» (è un eufemismo) che colpiscono i lavoratori – proteggerli chiedendo immediatamente una riunione urgente del Comitato misto per decidere una sospensione dell’applicazione dell’ALCP per la durata necessaria ad arginare, mediante la chiusura delle nostre frontiere, la propagazione del COVID-19 e preservare i lavoratori del nostro paese dalle conseguenze economiche della crisi. È quanto chiede il gruppo UDC con la mozione 20.3199.

Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (VS)
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
01.09.2020, di Marco Chiesa
Care e cari membri dell’UDC Ringrazio di cuore l’assemblea dei delegati per il suo sostegno e l’entusiasmo... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
11.08.2020, di Marco Chiesa
Con l'introduzione della libera circolazione delle persone abbiamo abbandonato il modello di successo che ha reso la... continua a leggere
Conferenza stampa
Condividi articolo
11.08.2020
Dall’introduzione della libera circolazione delle persone nel 2007, circa un milione di persone al netto è immigrato... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo