Editoriale

SÌ all’autodeterminazione

Uno Stato che non è sovrano nelle sue decisioni, cessa di essere uno Stato. Infatti, lasciare a un altro paese o comunità esterna il compito di decidere per lui, conduce questo Stato a essere assoggettato e dipendente. Sembra perfino impossibile immaginarlo per dei cittadini svizzeri.

Eppure, si constata che, tramite numerose convenzioni o accordi sottoscritti dalle nostre autorità, la Confederazione si lasci mettere a poco a poco la museruola dalla comunità internazionale, con il silenzio o la benedizione di certi nostri giuristi e negoziatori in politica estera. Sempre di più, le nostre decisioni sono subordinate e condizionate dai nostri vicini o da altre comunità internazionali che non conoscono i nostri diritti e vantaggi, e non necessariamente sono a loro favore…

Le specificità elvetiche sono la nostra forza
Quando il cittadino svizzero incontra un cittadino straniero, per esempio europeo, quest’ultimo ci esorta a restare l’esempio unico che rappresentiamo per l’Europa. Non cambiate, ci supplica. I popoli stranieri lasciano alle loro autorità, politici e giuristi il compito di emanare le loro leggi e decisioni, senza che possano reagire in altro modo all’infuori dei movimenti popolari talvolta violenti, degli scioperi o – ed è ancora peggio – non osservando le proprie leggi perché loro non convengono. Da noi a nessuno è permesso ignorare la legge, tuttavia si potrebbe applicare per certi vicini l’adagio: nulla è insensato per chi conosce la legge!

Nel nostro paese, sempre più giuristi e accademici diffidano del popolo, perché è pieno di buonsenso e orgoglioso della sua sovranità grazie alle iniziative. Per loro è insopportabile dover prendere posizione di fronte alle élite internazionali per delle decisioni popolari che peraltro hanno per decenni fatto testo e contribuito a rendere il nostro paese sicuro, rispettato ed economicamente prospero. È urgente far loro capire che il popolo ha l’ultima parola e che intende farsi rispettare. Che sia per la sua sicurezza, per la difesa degli animali, della natura o della piazza finanziaria, se il popolo decide, non si deve poter mettere in discussione la sua decisione con artifici e diktat internazionali!

SÌ all’autodeterminazione il 25 novembre prossimo!

Condividi articolo
Temi
Circa l‘autore
UDC Consigliera nazionale (VD)
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
17.04.2019, di Yvan Perrin
Il concetto di sicurezza europeo è fallito ed è questo stesso dispositivo che ci si vorrebbe obbligare... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Jean-François Rime
La direttiva UE sulle armi (direttiva 91/477/CEE sul controllo, l’acquisizione e la proprietà di armi) è stata... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.02.2019
Il gruppo UDC ha incontrato oggi (22.02.2019) verso mezzogiorno degli imprenditori a Willisau (LU). La sera, i... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Media

Più pluralità, meno Stato.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo