Editoriale

Silenzio, per favore: il governo sta dormendo!

Tutti i giorni, degli Africani sbarcano sulle coste italiane dopo aver attraversato il Mediterraneo. Non sono rifugiati ai sensi del diritto d’asilo nazionale e internazionale, sono semplicemente uomini e donne che rispondono alle offerte vastamente diffuse via Internet da politici europei come Angela Merkel e Simonetta Sommaruga.

Questa gente tenterà, presto o tardi, di raggiungere i paesi europei autori di questa pubblicità – principalmente la Germania, l’Austria e la Svizzera – e dove lo Stato sociale garantisce loro una vita senza preoccupazioni. Un approvvigionamento e delle cure complete di cui solo qualche raro privilegiato può godere in Africa: un’esistenza finanziariamente garantita, un alloggio, cure mediche e dentistiche, libertà di movimento, gratuità dei trasporti pubblici, buone scuole per i bambini, in breve, un conforto tutto compreso sarà loro garantito da un’efficace industria dell’accoglienza. Se non reagiamo finalmente con rigore, non bisognerà attendere a lungo perché il nostro generoso Stato sociale affondi definitivamente sotto il peso dei migranti sociali che arrivano sempre più numerosi.

Mission impossible

Le imposte e tasse gravanti sulla popolazione laboriosa aumenteranno, ma le prestazioni dei principali enti sociali e dello Stato sociale diminuiranno per tutti – per coloro che finanziano il sistema e che se ne attendono una contropartita, per gli abitanti del paese ai quali la rete sociale è destinata, ma anche per le persone che vengono dall’Africa per approfittarne. La missione è impossibile, perché un compito di tale ampiezza è semplicemente irrealizzabile! Delle decine di milioni di individui si accalcano alle porte dell’Europa. E tutti costoro contano sulle generose prestazioni di cui un buon numero di loro già beneficia qui. I nuovi arrivati esigeranno gli stessi vantaggi. O forse che la maggioranza del Consiglio federale pensa di rifiutare queste prestazioni oltre un certo numero di nuovi arrivati? La maggioranza del Consiglio federale vuole davvero accogliere questi milioni di migranti sociali? Silenzio radio. Questa maggioranza non si sente toccata da queste domande.

Blocco sistematico

La cosiddetta Delegazione per la sicurezza, che riunisce Simonetta Sommaruga, ministra dell’asilo, Didier Burkhalter, ministro degli affari esteri, e Guy Parmelin, ministro della difesa, non vede la necessità di meglio proteggere le frontiere svizzere eccessivamente permeabili. I due ministri UDC non hanno alcuna chance con le loro proposte d’impegnare l’esercito a rinforzo del Corpo delle guardie di confine. Tutte le proposte in questo senso sono state sistematicamente bloccate dalla maggioranza di centrosinistra del Parlamento, ossia PLR, PPD e PS.

  • Come può essere salvaguardato lo Stato sociale per i nostri figli e nipoti, di fronte a questo afflusso di Africani? Silenzio, per favore.
  • Come finanziare l’enorme numero di migranti sociali? Silenzio, per favore.
  • Come, in queste condizioni, salvaguardare la pace e la coesione sociale? Silenzio, per favore.

Dove si rifugiano i terroristi dell’ISIS?

Per non parlare dei numerosi terroristi dello Stato islamico che, camuffati da richiedenti l’asilo, affluiscono o riaffluiscono in Europa. Dove si rifugiano i criminali dell’ISIS dopo le disfatte del detto Stato islamico? In Europa e in Svizzera naturalmente, dove sono coperti dal diritto d’asilo, attraversano senza ostacoli delle frontiere colabrodo e dove li attende una vita confortevole. Come intendono, Parlamento e Consiglio federale, proteggere la popolazione svizzera da questi malfattori?

Togliendo delle dozzine di agenti di polizia ai cantoni per inviarle alla frontiera meridionale? Certamente no. Questa procedura provocherebbe delle grosse lacune nel dispositivo di sicurezza dei cantoni, lacune da cui i criminali sanno perfettamente come trarre profitto. Di fatto, non rimane che l’impiego alle frontiere di unità specializzate dell’esercito.

Berna permette ai richiedenti respinti di trascorrere le loro vacanze in Svizzera

A un ritmo quasi quotidiano ci giungono rivelazioni incredibili del caos che regna nel dipartimento Sommaruga. Ecco che si ammette nella procedura d’asilo un ex-membro di un governo africano (con senza subbio le mani insanguinate) e che lo si trasferisce in un cantone d’accoglienza senza preavvisare quest’ultimo. Ed ecco anche che apprendiamo che la Segreteria di Stato alle migrazioni del dipartimento Sommaruga, autorizza dei criminali espulsi e delle persone colpite da un divieto d’entrata nel nostro paese a “trascorrere le loro vacanze in Svizzera”. Si chiama “sospensione del divieto d’entrata”, abbiamo appreso dalla stampa. Ma la Berna federale afferma di non sapere quante persone approfittino di questo vantaggio. Siccome il giorno della pubblicazione dell’articolo si trattava di 64 persone, bisogna presumere che la cifra annuale sia molto più elevata.

La Segreteria di Stato alle migrazioni del dipartimento Sommaruga è totalmente cieca? Perché il PLR e il PPD rimangono a braccia conserte mentre la Svizzera si rende ridicola con una politica assurda nei riguardi degli stranieri? Quando la maggioranza politica della Berna federale deciderà finalmente di agire? Giusto prima delle elezioni?

Silenzio, per favore – il governo sta dormendo.

Condividi articolo
Temi
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (BE)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
28.04.2020
La Svizzera sta affrontando una crisi economica di ampiezza storica. Il numero di disoccupati è enormemente aumentato... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.02.2020
Pubblicando oggi la sua statistica dell’asilo, la Confederazione cerca, come d’abitudine, di minimizzare le conseguenze disastrose della... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
08.01.2020
L’UDC è indignata dalla decisione del Tribunale amministrativo federale di vietare il rinvio in Italia di famiglie... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo