Editoriale

Un sondaggio economico insensato

Noi avversari dell’accordo-quadro Svizzera/UE ci sentiamo dire in continuazione che non dobbiamo esprimerci su un progetto di cui non conosciamo ancora il contenuto. È in questi termini che i rappresentanti dell’UDC si fanno redarguire in Parlamento e nei dibattiti pubblici. In particolare il PLR e la sua presidente, la consigliera nazionale Petra Gössi, non cessano di proclamare che è impossibile pronunciarsi su questi negoziati in corso con l’UE. Per contro, quando l’associazione economica ombrello “Economiesuisse” ordina all’istituto di ricerca GFS un sondaggio sull’accordo-quadro, la cosa è perfettamente rappresentativa e scientifica, anche se le imprese intervistate non sono supposte sapere cosa ci sia nell’accordo-quadro con l’UE. Il fatto che l’associazione “Economiesuisse” si sia fatta rimorchiare da “Alliance Economie-Politique”, un puro veicolo di propaganda dell’agenzia di lobbying Furrer Hugi SA, la dice lunga sullo stato attuale di questa organizzazione economica ombrello.

Sondaggio sconsiderato
Circa 1000 dirigenti di imprese con più di 20 impiegati sono stati intervistati, è stato annunciato in occasione della presentazione dei risultati del sondaggio. L’80% avrebbe dato una risposta positiva all’accordo-quadro. Ma a quale accordo-quadro? A un trattato che si limita al primo pacchetto di accordi bilaterali o che lo oltrepassa di gran lunga, come esige l’UE? A un accordo-quadro che include la cittadinanza europea? A un accordo che impone alla Svizzera un’IVA minima del 15%, come previsto dalle norme del mercato interno UE? Un accordo che esige dalla Svizzera il pagamento di centinaia di milioni di franchi per dei frontalieri in disoccupazione?

Il 60% delle persone intervistate approverebbe tale accordo-quadro se questo non fosse raggiungibile che al prezzo di una risoluzione comune delle controversie, affermano in seguito gli autori del sondaggio. Evidentemente, ci si è “dimenticati” di ricordare alle persone intervistate che esiste già una risoluzione comune delle controversie, ossia il Comitato misto nel quale la Svizzera e l’UE agiscono quali partner a pari diritti. Ma l’accordo-quadro con l’UE non riconoscerebbe comunque una “risoluzione comune delle controversie”; al contrario, esso stabilisce che l’UE interpreta e sancisce definitivamente. Ricordiamoci che la Corte di giustizia dell’UE rifiuta perfino di riconoscere la Convenzione europea dei diritti dell’uomo, perché questa va contro alla sua competenza di ultima istanza giudiziaria nell’UE.

L’86% degli intervistati sostiene la via bilaterale, il che significa la forte approvazione dell’economia per questa politica. Lo sapevamo ben prima di questo sondaggio. La posizione del Consiglio federale nei negoziati sarebbe così rafforzata, ci si dive in seguito. Quale posizione? Non lo si sa più, dopo l’ultima seduta del governo. I tre quarti dei dirigenti d’azienda ritengono che la certezza del diritto sia assolutamente essenziale. Logico – ma quale certezza del diritto? Le imprese svizzere beneficiano di una maggiore certezza del diritto se l’UE può imporci in ogni momento e unilateralmente le sue regole del mercato interno? E se ci minaccia di ritorsioni nel caso rifiutassimo di applicare le sue regole?

L’accordo-quadro soddisfa unicamente l’UE
Certo non è piacevole vedere l’UE applicare i suoi strumenti di tortura a uno dei suoi migliori clienti. Un esempio: Bruxelles ritarda il riconoscimento definitivo dell’equivalenza delle borse svizzere. Unica ragione: l’UE vuole forzare la Svizzera ad accettare un accordo-quadro che impone sistematicamente al nostro paese la ripresa del suo diritto. Mai la Svizzera avrebbe tale comportamento nei confronti di uno dei suoi partner commerciali. Ma è altrettanto evidente che mai la Svizzera dovrà sottomettersi a un’organizzazione di Stati che tratta così brutalmente i suoi partner commerciali.

L’unica giustificazione per la stipulazione di un accordo-quadro è che l’UE lo esige. Gli accordi bilaterali non hanno assolutamente raggiunto il loro limite giuridico e sono sempre conformi agli sviluppi economici. L’accordo-quadro è unicamente il risultato della volontà di Bruxelles di sottomettere politicamente la Svizzera. Per imporci la sua politica di grande potenza, Bruxelles esercita una pressione economica sulla Svizzera. E ha un evidente successo con l’associazione “Economiesuisse”. Questa associazione economica ombrello tenta da parte sua di fare pressione sulla politica, lanciando dei sondaggi tanto sconsiderati quanto unilaterali.

Purtroppo, qualche manager dalla vista corta crede che sia più facile negoziare con dei funzionari di Bruxelles che sottomettersi ai verdetti popolari della democrazia diretta. “Economiesuisse” preferisce oggi difendere questa casta di manager, sempre più spesso stranieri, che vegliare sugli interessi globali della Svizzera. Ciò che è certo già sin d’ora, è che le pressioni di questa associazione economica su Consiglio federale e Parlamento non contribuiranno certamente ad aumentare la prosperità e la qualità di vita del nostro paese. È evidente che la Svizzera starebbe oggi molto meno bene se, in passato, dei funzionari e dei manager dell’economia avessero deciso al posto di popolo e cantoni.

Condividi articolo
Temi
Circa l‘autore
SVP Consigliere nazionale (ZH)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.11.2018
Il Consiglio federale annuncia oggi che ha approvato il 21 novembre 2018 il messaggio concernente l’applicazione delle... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
22.10.2018, di Thomas Matter
L'economia è “allarmata” dall’iniziativa per l’autodeterminazione, affermano dei professori universitari, dei giuristi e dei funzionari di associazione.... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
15.10.2018, di Gregor Rutz
Gli avversari dell’iniziativa per l’autodeterminazione ripetono come un disco rotto che la Svizzera diventerebbe un partner contrattuale... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Politica d'asilo

 Porre finalmente fine al caos nell’asilo

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Trasporti

Via libera senza vessazioni.

Ambiente

Un ambiente intatto per i nostri successori.

Caso particolare Svizzera

Autonomi e sicuri di sè.

Energia

Per un approvvigionamento energetico sicuro ed economico.

Media

Più varietà, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo