Editoriale

Una cosa meno cattiva, non è necessariamente buona

Il numero di reati penali è di nuovo calato nel 2017, ha annunciato con fierezza l’Ufficio federale di statistica (UFS). E aggiunge che il numero di reati penali registrati diminuisce nella maggior parte dei settori. Da notare la precisazione “registrati”.

Coloro che non si limitano a leggere il titolo del comunicato trionfalistico dell’UFS rimarranno ben presto delusi constatando che il numero di crimini violenti, come l’omicidio, non è calato e che gli stupri e le lesioni corporali sono addirittura aumentati: quasi un omicidio e quattro tentati omicidi alla settimana, oltre uno stupro al giorno. Inoltre, le aggressioni violente contro funzionari e agenti di polizia aumentano anche loro. Più di 3’000 atti di violenza sono stati registrati. Il che fa più di 8 reati penali di questo genere al giorno su tutto l’arco dell’anno, e senza contare i casi che non sono stati denunciati.

E che cosa osa aggiungere l’Ufficio federale di statistica per spiegare questa spaventevole situazione? “Per ciò che concerne l’aumento del numero di minacce e di violenze contro funzionari e agenti di polizia, bisogna considerare il fatto che questa evoluzione può essere dovuta a una politica cantonale più restrittiva.” In altre parole, se la polizia intervenisse meno contro i reati penali, il numero di minacce e di violenze nei suoi confronti diminuirebbe. Concretamente: se in futuro i nostri agenti di polizia rimarranno nelle caserme in caso di disordini in strada, se lasceranno che i teppisti di sinistra e gli hooligans degli stadi di calcio si sfoghino liberamente, non ci saranno più né minacce né violenze contro la polizia.

Delle idee così pericolosamente stupide possono venire in mente solo a degli statistici federali comodamente seduti alle loro scrivanie.

Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (BE)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.12.2019
Gli abitanti delle regioni di frontiera soffrono della brutale criminalità che penetra quasi quotidianamente in Svizzera attraverso... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.11.2019
Sono vent’anni che l’esercito svizzero è impegnato in Kosovo e ilo Consiglio federale chiede un nuovo prolungamento... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.11.2019
Riunito oggi (01.11.2019) a Glattfelden (ZH), il comitato di UDC Svizzera ha deciso di sostenere un eventuale... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo