Discorso

Il cittadino che agisce quale legislatore e decide liberamente

Perché sono qui davanti a voi, Signore e Signori? Perché mi sono lanciata in politica? È molto semplice: la Svizzera e Basilese che sono si sente sempre meno a suo agio nel suo paese. I lavoratori stranieri costituiscono la grande maggioranza nei nostri cantieri; dei manager che non parlano una sola parola di tedesco dirigono delle imprese tradizionali svizzere; degli usi e costumi islamici entrano dalla porta principale nella nostra società; quando si canta il Salmo svizzero si è guardati di traverso. E questa lista può essere allungata a piacimento.

Ecco che cosa voglio dirvi con questi esempi, Signore e Signori: la nostra indipendenza e la nostra autodeterminazione democratica sono già oggi fortemente indebolite. Ho la netta impressione che ormai Bruxelles, l’ONU e diverse altre organizzazioni internazionali ci dettino dobbiamo vivere e pensare. Ci siamo dotati noi stessi di leggi che ci limitano nella nostra vita quotidiana, che ci impongono ciò che dobbiamo comperare, ciò che dobbiamo bere e mangiare. Arriverà il giorno in cui l’UE o qualunque altra organizzazione internazionale deciderà di proibire il consumo di mele perché contengono troppo zucchero. La voglia di ridere vi passerà in fretta perché, credetemi, Bruxelles sta pensando molto seriamente a dei divieti di questo genere. I funzionari di Bruxelles stanno discutendo attualmente il divieto di certe carni. Il nostro cervelat è in pericolo!

Sì, Signore e Signori, noi Svizzere e Svizzeri abbiamo sempre meno voce in capitolo, mentre la Berna federale fa la corte ai giudici e ai funzionari stranieri. Non possiamo accettarlo.

Molte Svizzere e Svizzeri sembrano aver dimenticato ciò che ha fatto la forza del nostro paese. La nostra cultura e la nostra storia ci insegnano che abbiamo successo solo se riflettiamo e agiamo in tutta libertà. Né Bruxelles, né la Berna federale devono dettarci la nostra condotta. Noi vogliamo e dobbiamo vivere in libertà, assumendo le nostre responsabilità nelle nostre famiglie, fra vicini, nelle associazioni e nelle imprese. La Svizzera si è creata dal basso verso l’alto. La democrazia diretta è la sua base fondamentale. La Landsgemeinde ricca di tradizione, ma anche le nostre assemblee comunali, sono l’espressione del nostro diritto all’autodeterminazione. Perché finalmente sono le cittadine e i cittadini che devono vivere conformemente alla leggi e che sopportano le conseguenze di errori legislativi.

La Svizzera continuerà a essere un paese forte solo se noi, cittadine e cittadini, potremo decidere liberamente le nostre leggi.

Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
01.09.2020, di Marco Chiesa
Care e cari membri dell’UDC Ringrazio di cuore l’assemblea dei delegati per il suo sostegno e l’entusiasmo... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
11.08.2020, di Marco Chiesa
Con l'introduzione della libera circolazione delle persone abbiamo abbandonato il modello di successo che ha reso la... continua a leggere
Conferenza stampa
Condividi articolo
11.08.2020
Dall’introduzione della libera circolazione delle persone nel 2007, circa un milione di persone al netto è immigrato... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo