Discorso

Il cittadino che agisce quale legislatore e decide liberamente

Perché sono qui davanti a voi, Signore e Signori? Perché mi sono lanciata in politica? È molto semplice: la Svizzera e Basilese che sono si sente sempre meno a suo agio nel suo paese. I lavoratori stranieri costituiscono la grande maggioranza nei nostri cantieri; dei manager che non parlano una sola parola di tedesco dirigono delle imprese tradizionali svizzere; degli usi e costumi islamici entrano dalla porta principale nella nostra società; quando si canta il Salmo svizzero si è guardati di traverso. E questa lista può essere allungata a piacimento.

Ecco che cosa voglio dirvi con questi esempi, Signore e Signori: la nostra indipendenza e la nostra autodeterminazione democratica sono già oggi fortemente indebolite. Ho la netta impressione che ormai Bruxelles, l’ONU e diverse altre organizzazioni internazionali ci dettino dobbiamo vivere e pensare. Ci siamo dotati noi stessi di leggi che ci limitano nella nostra vita quotidiana, che ci impongono ciò che dobbiamo comperare, ciò che dobbiamo bere e mangiare. Arriverà il giorno in cui l’UE o qualunque altra organizzazione internazionale deciderà di proibire il consumo di mele perché contengono troppo zucchero. La voglia di ridere vi passerà in fretta perché, credetemi, Bruxelles sta pensando molto seriamente a dei divieti di questo genere. I funzionari di Bruxelles stanno discutendo attualmente il divieto di certe carni. Il nostro cervelat è in pericolo!

Sì, Signore e Signori, noi Svizzere e Svizzeri abbiamo sempre meno voce in capitolo, mentre la Berna federale fa la corte ai giudici e ai funzionari stranieri. Non possiamo accettarlo.

Molte Svizzere e Svizzeri sembrano aver dimenticato ciò che ha fatto la forza del nostro paese. La nostra cultura e la nostra storia ci insegnano che abbiamo successo solo se riflettiamo e agiamo in tutta libertà. Né Bruxelles, né la Berna federale devono dettarci la nostra condotta. Noi vogliamo e dobbiamo vivere in libertà, assumendo le nostre responsabilità nelle nostre famiglie, fra vicini, nelle associazioni e nelle imprese. La Svizzera si è creata dal basso verso l’alto. La democrazia diretta è la sua base fondamentale. La Landsgemeinde ricca di tradizione, ma anche le nostre assemblee comunali, sono l’espressione del nostro diritto all’autodeterminazione. Perché finalmente sono le cittadine e i cittadini che devono vivere conformemente alla leggi e che sopportano le conseguenze di errori legislativi.

La Svizzera continuerà a essere un paese forte solo se noi, cittadine e cittadini, potremo decidere liberamente le nostre leggi.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
15.11.2019
Durante la prossima sessione invernale, il parlamento federale esaminerà il progetto del cosiddetto miliardo per la coesione... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.11.2019
Riunito oggi (01.11.2019) a Glattfelden (ZH), il comitato di UDC Svizzera ha deciso di sostenere un eventuale... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.09.2019
L'UDC è allibita di fronte alla decisione del Consiglio degli Stati di respingere l’iniziativa “Sì al divieto... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo