Discorso

Il popolo – potere supremo

Secondo l’art. 2 della Costituzione federale «la Confederazione Svizzera tutela la libertà e i diritti del Popolo e salvaguarda l’indipendenza e la sicurezza del Paese».

Virna Conti, presidente GUDC Ginevra, studente in diritto

L’iniziativa per l’autodeterminazione mette in atto uno di questi obiettivi: quello di «proteggere i diritti del Popolo». Lo sport nazionale elvetico è la nostra democrazia diretta, rappresentata dal nostro potere supremo: NOI. In Svizzera, l’ultima parola spetta al cittadino. Gli Svizzeri sono considerati i «campioni delle urne» e sono chiamati a pronunciarsi in media quattro volte l’anno, che sia sul piano federale, cantonale o comunale. Così, il cittadino svizzero è libero e non vincolato da un ordinamento giuridico superiore, perché è proprio lui a statuirlo.

La domanda da porsi il 25 novembre è semplicemente la seguente: chi decide quale deve essere il diritto supremo in Svizzera? In altre parole, si tratta di sapere se decidiamo di procedere a una castrazione, dicendo NO il 25 novembre e rendendo così la nostra democrazia sterile e indolente.

Ciò porterebbe il cittadino a rifiutare a se stesso il proprio diritto e a votare la sua propria restrizione quale legislatore primario e supremo. Sarebbe come spararsi su un piede. Il cittadino è la colonna portante fondamentale della struttura statale elvetica. L’iniziativa per l’autodeterminazione è perciò stata lanciata per mantenere questo pilastro costituito in Svizzera dal cittadino.

Con la sovranità, la neutralità e l’indipendenza, questi elementi fanno parte dei pilastri stessi della Svizzera, e permettono a quest’ultima di prosperare e di rimanere libera. L’indipendenza e la sovranità sono spesso prese in antipatia dall’Unione europea. È assolutamente di vitale importanza che la Svizzera resti fuori da questo quadro istituzionale. Infatti, il modello europeo è assolutamente incompatibile con il modello elvetico: in Svizzera le decisioni sono prese dalla base e mandate in alto per essere eseguite; nell’Unione europea, le decisioni sono prese in alto e discendono verso il basso.

Perciò, è incontestabile che ci sia un conflitto fra i due modelli istituzionali. È quindi di primordiale importanza che il nostro paese non sia sotto una tutela europea che svuoterebbe l’indipendenza del suo significato. La non-applicazione dell’iniziativa contro l’immigrazione di massa ne è la perfetta riprova: la volontà del popolo è seriamente rimessa in questione dal 9 febbraio 2014. È la dimostrazione di un deplorevole non-rispetto dell’essenza stessa di un’iniziativa: ascoltarsi, esprimersi. La ragione di questa terribile situazione è unicamente che l’Unione europea sta cercando a tutti i costi un pied-à-terre in Svizzera. La salvaguardia dell’indipendenza è quindi la perpetuazione dell’autonomia decisionale e strutturale cui mira questa iniziativa.

In conclusione, questa iniziativa evita di esautorare le cittadine e i cittadini del loro ruolo di legislatore e vuole mantenere le prerogative democratiche come la democrazia diretta.

Bisogna tenere a mente che, in caso di accettazione dell’iniziativa il 25 novembre prossimo, il giorno dopo ci sveglieremo e ci si annuncerà che X trattati sono contrari alla Costituzione federale: gli avvertimenti saranno attivati e risuoneranno da tutte le parti.

Ciò significherebbe che il Consiglio federale e il Parlamento hanno ratificato e firmato dei trattati che al momento della loro ratifica/firma erano già contrari alla Costituzione federale, e perciò anticostituzionali.

E allora vi pongo la domanda: qual è la legittimità del popolo? Qual è la legittimità del suo voto?

Attualmente, il selezionatore di una squadra di calcio è l’unico ad avere il potere di scegliere i giocatori che disputeranno la partita. Respingendo l’iniziativa il 25 novembre prossimo, equivarrebbe a dire che d’ora in avanti chi ha il potere di selezionare i giocatori è l’arbitro.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.09.2020
Il gruppo parlamentare UDC s’è opposto oggi all’unanimità alla pericolosa “Iniziativa 99%” dei Giovani socialisti svizzeri (GS).... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
01.09.2020, di Marco Chiesa
Care e cari membri dell’UDC Ringrazio di cuore l’assemblea dei delegati per il suo sostegno e l’entusiasmo... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
30.08.2020
Il gruppo parlamentare UDC s’è riunito a Délémont (JU) per preparare la sessione autunnale delle Camere federali.... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo