Discorso

La libertà torna ad abitare le nostre campagne

Caro Signor Presidente
Caro ex consigliere federale Blocher
Cari membri del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati
Stimati rappresentanti delle autorità, dell’esercito e della polizia
Cari colleghi della Confederazione svizzera
Signore e signori

Se un anno fa mi aveste chiesto se oggi saremmo stati insieme a Morschach, nelle immediate vicinanze del prato del Rütli, in questa magica culla della nostra Confederazione, davanti a un magnifico falò, che oggi è anche, almeno in parte, un falò di gioia; se mi aveste chiesto se credessi possibile che il nostro Consiglio Federale avrebbe di sua iniziativa, unilateralmente, seppellito l’accordo istituzionale dell’UE, rotto i negoziati con Bruxelles – allora vi avrei detto:

Impossibile. Mai. Sarebbe bello, ma è una mera utopia.

Sì, non avrei mai creduto che il nostro governo avrebbe fatto un passo così audace. Sulla base della mia esperienza nel Parlamento federale, sarei stato convinto che i nostri internazionalisti politici di Berna, quasi dipendenti dall’UE, avrebbero fatto di tutto per far passare questo trattato, che avrebbe reso la Svizzera un territorio soggetto all’UE, preferibilmente anche senza un referendum.

Potete quindi immaginare che il 26 maggio, quattro settimane fa, quando il Consiglio Federale ha ufficializzato la rottura dei negoziati, non potevo credere ai miei occhi e alle mie orecchie. Era davvero lo stesso Consiglio Federale che aveva passato sette anni a mercanteggiare e a contrattare per questo trattato, lodando il legame istituzionale, la sottomissione della Svizzera alla maledizione di Bruxelles come una benefica pallottola d’argento?

Avevo due sentimenti in quello strano e piacevole mercoledì, uno grande e uno piccolo. La grande sensazione: ero sorpreso, stupito e in qualche modo entusiasta che il governo si fosse finalmente preso a cuore; che il presidente Parmelin e il consigliere federale Cassis avessero messo fine a questo disastroso trattato con una spada laser e pensieri e formulazioni improvvisamente cristalline.

Per questo motivo, questo falò è anche un falò per me. Un fuoco di gioia e di gratitudine per il fatto che il Consiglio Federale ha difeso per una volta con tanto coraggio la libertà e i diritti umani del nostro popolo e dei nostri cantoni. 

Un falò di gioia, sì, ma non uno sballo.

Perché oltre al grande, avevo ancora una piccola sensazione, un rumore inquietante, una voce in fondo alla testa che non poteva essere messa a tacere. Era la voce del dubbio, dello scetticismo, della sfiducia. Questo voltafaccia del Consiglio Federale a velocità quasi supersonica, se misurato con la lentezza della politica bernese, era ed è troppo bello per essere vero e definitivo.

Non ho aperto una bottiglia di champagne quella sera, non abbiamo fatto esplodere nessun petardo. E credetemi, mi sarebbe piaciuto usare questa rottura dei negoziati come occasione per una festa. Perché è stato per impedire questo accordo quadro che sono entrato nella politica attiva e nell’UDC. Anche quando ero caporedattore in Germania, mi dava sempre infastidito vedere politici e ambasciatori svizzeri gettarsi nella polvere davanti a paesi stranieri per scusarsi della Svizzera e delle sue decisioni popolari. Ho poi incontrato molti di questi politici stanchi della Svizzera a Berna. Erano tutti a favore del trattato istituzionale. Solo per questo motivo, dovevano essere contrari, secondo me.

Allora perché nessuna bottiglia di champagne? Nessuna festa? E perché non mi dimetto come politico, ora che questo sciagurato accordo è irrevocabilmente scomparso? Missione compiuta? Purtroppo no. Perché le motivazioni del Consiglio federale non sono giuste. Perché il pericolo non è stato scongiurato. Perché abbiamo vinto solo una battaglia, ma non la guerra. Cinque Consiglieri federali su sette non hanno detto no per convinzione interiore. Avevano semplicemente paura del popolo. Hanno visto che l’opposizione stava crescendo, anche oltre l’UDC, e così hanno abbandonato l’esercizio per salvarsi da una Waterloo, una sconfitta totale in un referendum.

Inoltre, il Consiglio Federale ha persino accettato esplicitamente il meccanismo di presentazione istituzionale che avrebbe installato l’UE come legislatore in Svizzera. Si sono lasciati mettere in ginocchio, e se l’UE non fosse entrata nei negoziati finali con tanta arroganza, ma fosse stata un po’ più disponibile al compromesso, il Consiglio Federale avrebbe firmato il trattato coloniale. Non è stata solo la saggezza del nostro governo, ma soprattutto la testardaggine di Bruxelles a far cadere questo trattato con la sua legge straniera, i suoi giudici stranieri e le sue ghigliottine.

Signore e signori, dobbiamo rimanere vigili. L’indipendenza della Svizzera, i diritti popolari del popolo sovrano, sono assicurati solo superficialmente e temporaneamente. L’élite politica di Berna spinge verso Bruxelles. La ragione è semplice: più UE significa più potere e più soldi per i politici, ma più impotenza e meno prosperità per il popolo. In Svizzera, i cittadini hanno quasi tutto da dire e i politici quasi niente. Ecco perché a molti politici piace così tanto l’UE.

Per cosa stiamo combattendo? Perché difendiamo la nostra bella Svizzera? Perché sappiamo che la Svizzera è un paese unico dove i cittadini sono i padroni, dove voi, signore e signori, potete decidere su tutto ciò che vi riguarda direttamente. E poiché siamo noi stessi a determinare le leggi sotto le quali viviamo, siamo noi in Svizzera ad avere le leggi migliori, e la Svizzera sta meglio di tutti gli altri stati dell’Unione Europea.

Ci sono tre avversari in particolare che dobbiamo tenere d’occhio.

Il primo è a Bruxelles. L’UE ha bisogno di soldi, e la Svizzera, con i suoi referendum – recentemente di nuovo contro questa legge sul CO2 – è una spina nel fianco dell’Unione Europea.

Il secondo avversario è a Berna. Il consigliere federale Cassis ha appena parlato in un’intervista di una nuova versione dell’accordo quadro. Potevamo certamente immaginarcelo. Quindi vedete: Ci stanno riprovando!

Il terzo avversario è nelle città. Abbiamo un’altra guerra culturale in Svizzera. Città contro campagna. Le città sono rosso-verde. Sono per lo stato, per la ridistribuzione, per più UE, per meno libertà. Le città hanno i media. Sono arroganti, pensano di essere migliori, vogliono inculcare il loro veleno rosso-verde nella Svizzera rurale.

Noi controbattiamo: l’aria di città rende poco liberi. L’aria di campagna ti rende libero. La libertà rivive oggi nelle campagne: autodeterminazione, responsabilità personale, indipendenza, pensiero sensato e parlare senza una stella di genere. Sì, è vero: Gli abitanti della città ora vogliono persino dettare a noi e ai nostri figli a scuola come dobbiamo parlare e scrivere!

Ci può essere solo una risposta a questo: No. Assolutamente no.

Voi, signore e signori, siete oggi l’ultima linea di difesa della Svizzera contro le follie modaiole dei nostri politici e delle città rosso-verdi.

Questo falò non può quindi essere una celebrazione del primo d’agosto. È un fuoco di gioia e di gratitudine, certamente, ma più di questo è un ricordo che la nostra bella e unica Svizzera, unica in questo mondo, è sempre in pericolo, è sempre stata minacciata ed è sempre minacciata, e che la nostra Svizzera esisterà solo finché noi svizzeri non perderemo il coraggio, la forza, la determinazione, la fiducia in Dio e la fiducia che ci vuole per difendere il nostro paese contro ogni ostruzionismo.

Ma tutti noi, cari amici e compagni di giuramento, siamo uniti da un’intuizione determinante, un sentimento di base, al di là di tutte le differenze e disaccordi: che è una gioia e un onore stare insieme per la Svizzera, per questa organizzazione di auto-aiuto più antica e di maggior successo al mondo!

Grazie!

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (ZH)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.06.2021
Per celebrare la fine dell'accordo istituzionale con l'UE e quindi la permanenza di una Svizzera libera e... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.06.2021
Oggi, grazie all'UDC, il Consiglio nazionale ha finalmente approvato una revisione parziale della legge sull'energia. Il Consiglio... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
13.06.2021
L’UDC si rallegra del fatto che gli elettori hanno rifiutato la politica ideologica della sinistra rappresentata dalla... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo