Discorso

SÌ alla democrazia diretta – SÌ all’autodeterminazione

La Svizzera è un paese meraviglioso, un «piccolo paradiso», per citare il consigliere federale Schneider-Ammann. Ma perché viviamo in un paradiso? Da dove provengono la prosperità, la soddisfazione delle cittadine e dei cittadini, la fiducia nello Stato? La risposta è evidente: dalla democrazia, principalmente dalla democrazia diretta che permette ai cittadini di decidere delle regole valide nel loro paese.

Con l’iniziativa per l’autodeterminazione, noi difendiamo la democrazia diretta. La difendiamo dagli ambienti che, con manovre illegali di ostruzionismo, impediscono l’applicazione di decisioni del sovrano aventi forza di legge. Ancora nel 2010, il Consiglio federale rilevava che «le disposizioni costituzionali contrarie al diritto internazionale dovevano essere applicate» e ha ricordato lo stesso principio nel suo messaggio sull’iniziativa contro l’immigrazione di massa. Una camera del Tribunale federale ha invertito questo ordine e, da allora, il Parlamento vi si attiene. Con l’iniziativa per l’autodeterminazione, vogliamo annullare questa esautorazione anticostituzionale e illegale dei cittadini dal potere politico.

La democrazia diretta è un bastione a difesa delle libertà delle donne e degli uomini contro uno Stato che fa di tutto per limitarle. Essa ci dà delle regole liberali per l’economia e delle imposte moderate. La democrazia diretta è causa e garanzia della nostra prosperità.

Grazie alla democrazia diretta, delle idee irrealistiche ed elitarie sull’immigrazione, sulla coabitazione delle religioni e sul trattamento dei delinquenti non possono essere imposte senza la partecipazione degli uomini e delle donne che dovrebbero sopportarne le conseguenze nella loro vita quotidiana. La democrazia diretta assicura una coabitazione pacifica delle minoranze e delle maggioranze, l’identificazione dei cittadini con lo Stato e un sentimento di responsabilità nei confronti della collettività. Ma questa partecipazione del popolo non piace a tutti i deputati; essa non piace né all’amministrazione né al Tribunale federale. Il popolo è un elemento di disturbo per questi ambienti.

Il diritto internazionale e il potere delle organizzazioni internazionali e dei tribunali, sono le armi di cui si servono il Paramento, l’amministrazione e i tribunali per rimettere al suo posto un popolo che li disturba. Queste autorità non sono riuscite a limitare i diritti popolari, nonostante anni di sforzi politici a livello nazionale. E hanno finito per raggiungere il loro obiettivo per vie traverse, eludendo il popolo con il pretesto della priorità del diritto internazionale.

Ma la priorità del diritto internazionale è un errore fondamentale per diverse ragioni. Essa ha per principale effetto che le decisioni di una manciata di funzionari e di giudici stranieri annullano le decisioni del nostro parlamento e del nostro popolo. Ciò significa, in altre parole, che la Svizzera è vieppiù governata da un diritto creato da persone senza alcuna legittimità democratica e che non deve mai assumersi la responsabilità dei loro atti. Decidere senza responsabilità, ecco un modo di procedere che conduce per forza di cose a delle regolamentazioni liberticide, un modo di procedere, oltretutto, contrario all’etica. L’istituzione Avenir Suisse ha constatato che il diritto internazionale è il principale motore della iper-regolamentazione. Democrazia, per contro, significa che coloro che decidono devono anche sopportare le conseguenze delle loro scelte e che i deputati eletti dal popolo saranno posti di fronte alle loro responsabilità in occasione delle elezioni seguenti. Ecco un regime che incoraggia le decisioni buone e sagge.

Il rapporto fra il diritto internazionale e il diritto nazionale, rapporto del Consiglio federale (…) del 5 marzo 2010, Foglio federale 2010, P. 2263 e seg., 2310 (testo tedesco).

Messaggio sull’iniziativa popolare «Contro l’immigrazione di massa», Foglio federale 2013, P. 291 e seg., 312, 317, 322, 336 (testo tedesco).

Avenir Suisse, «Uscire dalla giungla regolamentatrice» II, Zurigo 2016, P. 9 e seg., 45 e seg.

Circa l‘autore
SVP Consigliere nazionale (ZH)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
29.11.2018
L'UDC è sconcertata nel constatare che la maggioranza dei rappresentanti del PPD e la metà dei deputati... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
30.10.2018, di Alice Glauser
Uno Stato che non è sovrano nelle sue decisioni, cessa di essere uno Stato. Infatti, lasciare a... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.10.2018
La Commissione federale delle migrazioni (CFM) e la Commissione federale contro il razzismo (CFT) s’immischiano indebitamente nella... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Media

Più varietà, meno Stato.

Finanze, imposte e tasse

Di più al ceto medio, meno allo Stato.

Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Politica d'asilo

 Porre finalmente fine al caos nell’asilo

Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Caso particolare Svizzera

Autonomi e sicuri di sè.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo