Iniziativa popolare federale «Per un’immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)»

Un paese libero e autodeterminato come la Svizzera deve gestire esso stesso l’immigrazione, come fa la maggior parte dei paesi di successo in questo mondo.

Risolvere finalmente i problemi dell’immigrazione di massa
Dall’introduzione della totale libera circolazione delle persone con l’UE nel 2007, c’è un’immigrazione in Svizzera smisurata e incontrollata. Annualmente immigrano da 60’000 a 80’000 persone in più di quante lascino il nostro paese. Le conseguenze negative sono dolorose: i posti di lavoro indigeni vengono vieppiù messi a rischio, in particolare i lavoratori più anziani perdono il loro impiego e vengono sostituiti con giovani stranieri, gli spazi abitativi si riducono, gli affitti e i prezzi degli immobili rincarano, il paesaggio viene cementificato. Treni, strade e scuole stanno letteralmente esplodendo. I migranti cambiano la nostra cultura. Piazze, treni e strade diventano insicuri. A ciò si aggiunge il fatto che praticamente la metà dei beneficiari di aiuto sociale è straniera. Di conseguenza, le spese per l’aiuto sociale dei comuni raggiungono livelli insostenibili.

Abrogare la libera circolazione delle persone, se del caso disdirla
Il Consiglio federale è incaricato di far sì, per via negoziale, che l’accordo di libera circolazione delle persone con l’UE cessi di essere in vigore al più tardi 12 mesi dopo l’accettazione dell’iniziativa per la limitazione. Se non è possibile giungere a un accordo in tal senso entro questo termine,l’accordo di libera circolazione delle persone deve essere disdetto entro 30 giorni.

> Firmate SUBITO l’iniziativa!

> Homepage del comitato per un’immigrazione moderata: www.iniziativa-per-la-limitazione.ch

Contributi alla campagna
Editoriale
Condividi articolo
01.12.2018, di Albert Rösti
Per delle ragioni incomprensibili, il Consiglio federale si oppone all’iniziativa popolare «Per un’immigrazione moderata (iniziativa per la... continua a leggere
Conferenza stampa
Condividi articolo
08.02.2018
Dall’introduzione della libera circolazione delle persone, la quota di stranieri è passata dal 20 al 25%. La... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.01.2018
L’ASNI ha oggi, assieme all’UDC, tenuto una conferenza stampa a Berna per l’avvio della raccolta firme a... continua a leggere
Temi e posizioni
Agricoltura

Per una produzione indigena.

Politica d'asilo

 Porre finalmente fine al caos nell’asilo

Ambiente

Un ambiente intatto per i nostri successori.

Finanze, imposte e tasse

Di più al ceto medio, meno allo Stato.

Politica economica

Più libertà economica, invece di burocrazia.

Religioni

Dalla parte dei nostri valori.

Energia

Per un approvvigionamento energetico sicuro ed economico.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo