Riforma III dell’imposizione delle imprese

Legge sulla riforma III dell’imposizione delle imprese

Que cosa si tratta?

La riforma fiscale tutela i posti di lavoro e la nostra prosperità. Grazie ad essa i cantoni possono abolire gli statuti fiscali speciali rimanendo attrattivi sul piano economico.

Circa 24’000 imprese internazionali, che contano tra 135’000 e 175’000 dipendenti beneficiano oggi nei cantoni di regimi fiscali speciali. Queste imprese appartengono a gruppi stranieri, ma anche svizzeri, e svolgono un ruolo importante per l’economia del nostro paese e per le entrate fiscali. Esse generano praticamente il 50% delle spese private per la ricerca e lo sviluppo (R&S). Numerose PMI svizzere beneficiano della presenza di questi gruppi internazionali, di cui sono i fornitori diretti o indiretti in beni e servizi. Benché queste società rappresentino soltanto circa il 7% del totale delle imprese in Svizzera, le imprese che hanno uno statuto fiscale speciale contribuiscono per quasi la metà alle entrate dell’imposta federale diretta (IFD) sull’utile. In totale, queste società pagano circa 5,3 miliardi di franchi di IFD.

Grazie a queste regole speciali, la fiscalità svizzera delle imprese è oggi attrattiva e genera importanti introiti fiscali. Ma il nostro sistema non è più ammesso a livello internazionale. La Svizzera si è dunque impegnata, nei confronti dell’Unione europea e dell’OCSE, ad adeguarlo. È l’obiettivo della terza riforma dell’imposizione delle imprese (RI Imprese III). Si tratta di fare in modo che il nuovo sistema sia ancora competitivo e che continui ad essere fiscalmente produttivo.

I delegati hanno infine sostenuto questa terza riforma delle imprese con 336 voti contro 2 e 2 astensioni.

>> Si-comitato

>> Factsheet RIE III economiesuisse

Contributi alla campagna
Editoriale
Condividi articolo
03.02.2017
Il PS, che una volta era il partito della «gente comune», ha apparentemente allargato il suo orizzonte... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
23.01.2017, di Thomas Matter
Il voto del 12 febbraio 2017 sulla 3a riforma dell’imposizione delle imprese è d’importanza capitale per l’economia... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
10.01.2017
Nel 19° secolo, la Svizzera era ancora uno dei paesi più poveri d’Europa. Contrariamente ad altre regioni,... continua a leggere
Temi e posizioni
Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Media

Più varietà, meno Stato.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Famiglia

Responsabilità personale invece di controllo.

Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Finanze, imposte e tasse

Di più al ceto medio, meno allo Stato.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Ambiente

Un ambiente intatto per i nostri successori.

Politica degli stranieri

Limitare l’immigrazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo