Giornale del partito UDC-Parlar chiaro agosto 2021

“Difendere l’indipendenza della Svizzera!”

L’ex consigliere federale Christoph Blocher spiega cosa significano i falò accesi dall’UDC e quale strategia deve adottare la Svizzera nella politica europea.

Signor  Blocher, l’UDC ha festeggiato la fine definitiva dei negoziati sull’accordo istituzionale con l’UE con falò in tutti i cantoni svizzeri. Cosa voleva esprimere con questa azione?

In primo luogo, la gioia di aver preservato l’indipendenza. Ma soprattutto, questi falò sono “fuochi d’avvertimento”, segni che siamo pronti a difendere l’indipendenza della Svizzera in futuro! 

Con la sepoltura dell’accordo quadro, avete vinto la seconda grande battaglia politica europea dopo il rifiuto dello Spazio economico europeo (SEE) nel 1992. Quali fattori sono stati decisivi questa volta?

Nel caso del SEE, è stato il referendum che ha portato al NO contro l’integrazione della Svizzera nell’UE. Questa volta è stato il governo a farlo. I fattori decisivi sono stati questa volta le concrete conseguenze negative che si sono manifestate quando la legislazione e la sovranità giudiziaria sono state cedute all’UE, come nel caso dell’accordo istituzionale. Questo ha provocato i sindacati, i partiti borghesi e i Cantoni.

I turboeuropeisti, più di tutti gli altri partiti, sono lungi dall’arrendersi. Stanno già segretamente preparando nuovi piani per legare più strettamente la Svizzera all’UE. Dove si annidano i maggiori pericoli?

È chiaro che solo i sostenitori dell’adesione all’UE avrebbero potuto sostenere un tale accordo. Come pure era chiaro fin dall’inizio che questi sostenitori dell’UE avrebbero perseverato. Sono dei fanatici. Sono scesi a patti con Bruxelles tradendo il proprio Paese. Il pericolo è che ci provino ancora, a poco a poco, con accordi innocui. 

Quale strategia deve ora adottare la Svizzera nei suoi rapporti con l’UE? 

Dire chiaramente all’UE che un accordo istituzionale è fuori questione, perché la Svizzera non può rinunciare alla sua indipendenza e non vuole sostituire il diritto di voto dei cittadini svizzeri con la legislazione dell’UE. L’UE deve prenderne atto.

Inoltre, l’UE deve essere obbligata a rispettare gli accordi bilaterali conclusi finora. Se non lo fa, la Svizzera deve prendere delle contromisure. 

La Svizzera è aperta a nuovi trattati bilaterali che siano nell’interesse di entrambi, e che non comportino un impegno istituzionale.

Il contributo di coesione bis all’UE, che ammonta a ben più di un miliardo di franchi, dovrebbe ora essere sbloccato? 

Il contributo di coesione dovrebbe essere di per sé respinto. Ciò che è pericoloso – indipendentemente dall’onere finanziario – è quando tali importi devono essere pagati come condizione preliminare per accedere a un mercato interno. Non c’è niente di simile in tutto il mondo. Qui la Svizzera deve dire NO e prendere contromisure. 

Negli ultimi anni e mesi, lei ha concentrato il suo impegno politico interamente sulla politica europea. Quali sono i suoi obiettivi personali per il prossimo futuro? 

Continuare a lottare per l’indipendenza della Svizzera e per un ordinamento interno libero. Lo faccio come semplice elettore e senza un mandato politico.

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC ex-Consigliere nazionale (ZH)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Thomas Aeschi
L’UDC ha presentato una chiara strategia per combattere la pandemia di COVID-19 già nel marzo 2020. Se... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Sandra Sollberger
I giovani socialisti vogliono ancora una volta silurare la nostra economia e quindi la nostra prosperità con... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Peter Keller
Il Patto federale ha 730 anni ed è ancora molto attuale. Il suo messaggio è: vogliamo decidere... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Verena Herzog
Il "matrimonio per tutti", compresa la donazione di sperma per le coppie lesbiche, è molto controverso dal... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Gregor Rutz
A giugno, il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno approvato una nuova legge sulla promozione... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Marco Chiesa
I successi nelle recenti votazioni lo dimostrano: l’UDC è vicina alle preoccupazioni dei cittadini. Questo ci sprona... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo