Giornale del partito UDC-Parlar chiaro agosto 2021

No al “matrimonio per tutti”

Il “matrimonio per tutti”, compresa la donazione di sperma per le coppie lesbiche, è molto controverso dal punto di vista costituzionale. Una cosa è chiara: porta all’assenza di un padre come previsto dalla legge, e l’interesse superiore del bambino passa in secondo piano. Seguiranno richieste di maternità surrogata eticamente inaccettabili.

La famiglia è un elemento portante di qualsiasi stato funzionante e si basa, tra l’altro, su fatti biologici. Perché solo l’unione di un uomo e una donna ha in sé la capacità di trasmettere la vita. Il Tribunale federale e il Consiglio federale hanno sempre interpretato il diritto al matrimonio come un’unione permanente tra un uomo e una donna. Il diritto al matrimonio tra un uomo e una donna è riconosciuto anche nel Patto delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici, che la Svizzera ha firmato. Il fatto che la GISO abbia abolito da tempo il matrimonio e che i Giovani liberali vogliano sostituire il matrimonio con una cosiddetta “comunità di responsabilità” e permettano anche relazioni poligame si può vedere nei loro programmi.

Naturalmente, spetta ad ogni persona decidere con chi vuole condividere la propria vita. Con il “partenariato registrato”, il quadro giuridico esiste dal 2007 anche per le coppie omosessuali. Tuttavia, chi sceglie questa strada deve anche avere il coraggio di accettare certe conseguenze. Ma l’egoismo smisurato che è diventato così di moda ora vuole sancire per legge la donazione di sperma per le coppie lesbiche, anche se questo contraddice i diritti dei bambini e può essere descritto solo come un esperimento sociale irresponsabile dal punto di vista della ragione e dell’etica.

No alla tattica del salame

Prima dell’introduzione dell’unione registrata per le coppie omosessuali, i proponenti promettevano solennemente che l’accesso all’adozione e alla donazione di sperma sarebbe rimasto un tabù per le coppie omosessuali. Pochi anni dopo è stata introdotta l’adozione del figlio del partner per le coppie omosessuali, e ora, con l’espansione del matrimonio, si vuole ancorare legalmente anche l’accesso alla normale procedura di adozione e approvare la donazione di sperma per le coppie lesbiche. Cosa viene dopo? Non passerà molto tempo prima che le coppie gay richiedano la maternità surrogata, del tutto inaccettabile eticamente. Questo trasformerebbe tristemente in realtà la degradazione delle donne a macchine generatrici di bambini da vendere.

Contro il benessere del bambino 

Durante il dibattito parlamentare, la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha raccomandato di attenersi al progetto di legge e l’abbandono temporaneo della donazione di sperma per le coppie lesbiche. Troppe questioni legali significative per il bambino restano aperte. Nel frattempo, il Consiglio Federale non sembra preoccuparsi che ancora più bambini debbano crescere intenzionalmente senza padre e che non possano scoprire chi è il loro padre biologico fino ai 18 anni. Già oggi, troppi bambini devono fare a meno di un padre e di un modello paterno nel caso di genitori single intenzionali o non intenzionali. Eppure, come sappiamo da molti anni di ricerca ed esperienza nel campo dei bambini in affido e in adozione, essere radicati nella famiglia d’origine è centrale per lo sviluppo dell’identità di un bambino. Quindi, NO al “matrimonio per tutti” e NO alla donazione di sperma!

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Consigliera nazionale (TG)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Thomas Aeschi
L’UDC ha presentato una chiara strategia per combattere la pandemia di COVID-19 già nel marzo 2020. Se... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Sandra Sollberger
I giovani socialisti vogliono ancora una volta silurare la nostra economia e quindi la nostra prosperità con... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Peter Keller
Il Patto federale ha 730 anni ed è ancora molto attuale. Il suo messaggio è: vogliamo decidere... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Christoph Blocher
L'ex consigliere federale Christoph Blocher spiega cosa significano i falò accesi dall’UDC e quale strategia deve adottare... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Gregor Rutz
A giugno, il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno approvato una nuova legge sulla promozione... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
30.07.2021, di Marco Chiesa
I successi nelle recenti votazioni lo dimostrano: l’UDC è vicina alle preoccupazioni dei cittadini. Questo ci sprona... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo