Giornale del partito UDC-Parlar chiaro gennaio 2021

Indonesia, un partner economico importante per la Svizzera

Il 7 marzo 2021 voteremo l’accordo di partenariato economico tra gli Stati AELS e l’Indonesia. Si tratta di un accordo equilibrato che tiene conto sia della nostra economia d’esportazione che dell’agricoltura svizzera. Una soluzione innovativa è stata trovata, con soddisfazione di tutte le parti in causa, per quanto riguarda il commercio dell’olio di palma, che è al centro delle critiche.

Un accesso sicuro e affidabile al commercio estero è molto importante per la Svizzera a causa del suo ristretto mercato interno. Le nostre aziende hanno bisogno di buone condizioni di accesso al mercato mondiale per continuare a garantire prosperità e posti di lavoro nel nostro paese. Ciò vale in particolare per le numerose PMI orientate all’esportazione in Svizzera. Accordi come quello negoziato con l’Indonesia sono strumenti importanti per raggiungere questo obiettivo.

L’Indonesia è il quarto paese più popoloso del mondo. Con una classe media in crescita, è un mercato con un grande potenziale per i prodotti di qualità della nostra industria e della nostra agricoltura. L’accordo abolisce le tariffe ancora molto elevate su tutte le esportazioni importanti per la Svizzera e consente alle nostre aziende di operare sul mercato indonesiano in condizioni di parità con la concorrenza. Sarebbe irragionevole non cogliere l’opportunità offerta da questo accordo in un momento in cui altri paesi, come l’UE, stanno ancora negoziando con l’Indonesia per ottenere condizioni migliori per le proprie aziende.

Inoltre, l’accordo non solo tiene conto degli interessi degli esportatori svizzeri, ma protegge anche la nostra agricoltura: come in tutti i nostri accordi di libero scambio, le concessioni negoziate per i prodotti agricoli sono state attentamente soppesate con il settore agricolo svizzero e abbiamo lasciato cadere la zavorra solo sui prodotti che non mettono in pericolo la nostra produzione indigena.

La questione dell’olio di palma

Lo stesso vale per l’olio di palma, che è il prodotto più contestato nel presente accordo. Anche se la Svizzera non è un importante mercato per l’olio di palma proveniente dall’Indonesia (nel 2019 tali importazioni non rappresentavano che lo 0,1% delle importazioni totali), non avremmo concluso nessun accordo se lo avessimo escluso. Tuttavia, la Svizzera ha fatto inserire diverse condizioni per garantire che l’accordo non metta a repentaglio la propria produzione di olio di colza e di girasole. In primo luogo, i dazi doganali sull’olio di palma proveniente dall’Indonesia non saranno aboliti, ma solo leggermente ridotti; in secondo luogo, ciò vale solo per una quantità chiaramente limitata, fissata in modo che le importazioni di olio di palma svizzero nel suo complesso non aumentino; in terzo luogo, gli importatori devono dimostrare che l’olio di palma è stato prodotto in modo rigorosamente sostenibile. Senza questa prova, la franchigia doganale non viene concessa.

L’accordo con l’Indonesia è un accordo valido ed equilibrato: migliora l’accesso delle nostre aziende in un importante mercato in crescita, tenendo conto dei criteri dello sviluppo sostenibile e tutelando gli interessi della nostra agricoltura. In questi tempi difficili, il voto del 7 marzo è di grande importanza per la nostra economia.

Unisciti a me nel sostenere le nostre imprese mettendo un “sì” deciso all’accordo di libero scambio con l’Indonesia nell’urna il 7 marzo prossimo.

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Consigliere federale (VD)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
22.01.2021, di Andrea Geissbühler
L'iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso", sulla quale saremo chiamati a votare il... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
22.01.2021, di Walter Wobmann
Il 7 marzo 2021 voteremo l'iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso”. Lanciata dal... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
22.01.2021, di Christian Imark
Nonostante le restrizioni legate alla pandemia di coronavirus, sono state raccolte ben più di 110.000 firme per... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
22.01.2021, di Thomas Aeschi
L'accordo che il Regno Unito ha raggiunto con l'UE offre notevoli vantaggi rispetto all'accordo quadro. L'UDC chiede... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
22.01.2021, di Marco Chiesa
La crisi pandemica sta oscurando le nostre vite ma sono fiducioso che restando fedeli ai nostri valori,... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo