Giornale del partito UDC-Parlar chiaro gennaio 2021

Per una maggiore sicurezza – Sì al divieto di nascondere il volto!

L’iniziativa popolare “Sì al divieto di dissimulare il proprio viso”, sulla quale saremo chiamati a votare il 7 marzo prossimo, è indirizzata anche a coloro che occultano il proprio volto per motivi criminali e vandalici. L’iniziativa dichiara infatti guerra ai teppisti incappucciati, agli hooligan e agli estremisti mascherati e migliora la sicurezza in generale.

Circa due terzi dei Cantoni svizzeri hanno introdotto un divieto di celare il volto in pubblico. Tuttavia, questi divieti sono applicati solo in determinati frangenti come gli eventi che richiedono un’autorizzazione e un livello di sicurezza più elevato, i raduni politici, le manifestazioni o gli eventi sportivi. Purtroppo, questi divieti di celare il proprio viso non sono applicati in modo coerente ovunque, vedi Berna (quartiere della Reithalle) e Zurigo (Squatter), e le ragioni sono spesso di natura politica e ideologica.

Azione coerente contro i criminali incappucciati

L’iniziativa affronta questo problema chiedendo d’introdurre un divieto nazionale di dissimulare il volto negli spazi pubblici e inserendo questo principio nella Costituzione federale. Ciò rafforzerà l’azione delle forze di polizia in tutti i Cantoni, legittimandole e obbligandole ad agire in modo coerente contro tutti i criminali incappucciati. Non sarà più possibile per questi piantagrane, che commettono reati durante le manifestazioni, di venir trattati con i guanti di velluto per motivi politici.

La polizia cantonale svolge il suo lavoro sicuramente in modo coscienzioso e professionale, grazie anche ad attrezzature all’avanguardia. Ma che senso hanno i dispositivi di sicurezza e la videosorveglianza se i colpevoli possono sottrarsi impunemente alle responsabilità nascondendosi sotto cappucci, berretti o maschere? Chi nasconde il proprio volto durante le manifestazioni dimostra a priori di non avere buone intenzioni e dovrebbe essere sanzionato.

Le mascherine per proteggere la salute sono ancora permesse

Naturalmente ci troviamo in una situazione eccezionale a causa della crisi del Covid-19, che ci ha costretti tutti ad indossare mascherine chirurgiche nella stragrande maggioranza dei luoghi pubblici.

L’iniziativa, che non si occupa esplicitamente di questo tipo di maschera indossata come misura di protezione della salute, mira a creare finalmente una certezza giuridica vincolante. L’obbligo limitato nel tempo di indossare una maschera a seguito della pandemia di coronavirus non è in contraddizione con l’iniziativa che proibisce la dissimulazione del volto.

Basta nascondersi durante le manifestazioni!

Ogni cittadino ha il diritto di dimostrare per far sentire la propria voce. Coloro che hanno legittime preoccupazioni fanno così conoscere il loro punto di vista e lo fanno a volto scoperto. Solo chi ha cattive intenzioni si nasconde dietro maschere e passamontagna. Per questo diciamo basta agli striscioni sventolati da vandali incappucciati, per esempio nei cortei del primo maggio. Niente più lanciatori di pietre mascherati durante le “manifestazioni antifasciste”! Basta con i teppisti incappucciati che si aggirano per gli eventi sportivi! È ora di finirla con i facinorosi che mascherano il loro volto al fine di commettere atti violenti e vandalici, attaccando le persone senza essere identificati e causando danni per milioni di Franchi.

Per tutti questi motivi, votiamo Sì il prossimo 7 marzo all’iniziativa “Sì al divieto di dissimulare il proprio viso”!

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Consigliera nazionale (BE)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
22.01.2021, di Walter Wobmann
Il 7 marzo 2021 voteremo l'iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso”. Lanciata dal... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
22.01.2021, di Guy Parmelin
Il 7 marzo 2021 voteremo l'accordo di partenariato economico tra gli Stati AELS e l'Indonesia. Si tratta... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
22.01.2021, di Christian Imark
Nonostante le restrizioni legate alla pandemia di coronavirus, sono state raccolte ben più di 110.000 firme per... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
22.01.2021, di Thomas Aeschi
L'accordo che il Regno Unito ha raggiunto con l'UE offre notevoli vantaggi rispetto all'accordo quadro. L'UDC chiede... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
22.01.2021, di Marco Chiesa
La crisi pandemica sta oscurando le nostre vite ma sono fiducioso che restando fedeli ai nostri valori,... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo