Giornale del partito UDC-Parlar chiaro maggio 2021

Attacco al modello svizzero di successo

Il modello di successo della Svizzera si basa su capacità, diligenza, innovazione e responsabilità individuale. Ma questo è esattamente ciò che viene ora silurato dal programma di ridistribuzione della sinistra, che viene venduto sotto il nome di “legge sul CO2”.

Con la nuova legge, le aziende saranno divise in “buone” e “cattive”, a seconda di quanta CO2 producono. La burocrazia sarà gonfiata in modo massiccio e sotto il pretesto di una “politica climatica innovativa”, i posti di lavoro e la competitività delle imprese svizzere saranno messi ulteriormente sotto pressione e in pericolo.

Un lupo travestito da pecora

La legge sul CO2 è un lupo travestito da pecora. Sotto pressione per firmare l’accordo sul clima di Parigi, il Parlamento ha costruito con questa legge una mostruosità burocratica e redistributiva. Innanzitutto, i cittadini, gli imprenditori e gli agricoltori si vedranno sottrarre dalle loro tasche più di un miliardo all’anno attraverso prelievi enormemente eccessivi sui carburanti e sui combustibili, e poi il denaro così ottenuto sarà ridistribuito nell’interesse del controllo statale.

Tuttavia, gran parte di questo denaro verrà sprecato nella burocrazia e nel nuovo apparato di consulenza e controllo creato a questo scopo, mancando quindi totalmente il bersaglio.

Vi chiederete perché mai il parlamento abbia approvato una legge del valore di miliardi, in primo luogo. Non potrebbe essere che molti vogliano tagliarsi una fetta di questa enorme torta? Si dice che a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca. Gli effetti negativi di questa ridistribuzione saranno evidenti. Le imprese locali o intere industrie che ancora dipendono dai combustibili fossili, almeno per ora, saranno svantaggiate e la loro stessa esistenza sarà minacciata. La mobilità e la costruzione continueranno a diventare artificialmente più costose, rendendo beni e servizi più cari per il consumatore finale. Questo porterà ancora più turismo dello shopping e ordini dall’estero, colpendo di nuovo duramente la nostra economia e il commercio interno che già stanno pagando a causa della pandemia del coronavirus.

La Svizzera è già un allievo modello

In tutta questa discussione si dimentica che la Svizzera è già oggi un allievo modello. Ha i prezzi più alti per una tonnellata di CO2 emessa. Mentre la Germania vuole portare la tassa sul CO2 a 55 euro entro il 2025, il prezzo in Svizzera è già fissato a 96 franchi. L’aumento a un massimo di 210 franchi previsto dalla nuova legge renderà la Svizzera inutilmente e sproporzionatamente più cara come luogo di produzione. Molte aziende stanno già soffrendo in modo massiccio delle conseguenze della cosiddetta “isola dei costi svizzera”. Non sorprende quindi che saranno proprio queste imprese a tagliare posti di lavoro o a delocalizzare all’estero la produzione. La prosperità e i posti di lavoro in Svizzera sono così messi in pericolo senza risolvere alcun problema, perché il CO2 non conosce confini nazionali.

Un’economia forte non si basa su più tasse e divieti sulla via verso un’ampia neutralità climatica, ma sull’innovazione guidata dall’imprenditore, sulla ricerca e sulla responsabilità individuale. Dopo tutto, sono proprio queste qualità che hanno fatto sì che la Svizzera abbia successo. Prendiamoci cura di loro e combattiamo insieme contro questa politica punitiva e di ridistribuzione della sinistra presentata come “legge sul CO2”!

Condividi articolo
Circa l‘autore
Manuel Strupler
UDC Consigliere nazionale (TG)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
14.05.2021, di Thomas Aeschi
L'accordo quadro significherebbe la fine di una Svizzera indipendente continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
14.05.2021, di Marco Chiesa
La gestione della crisi pandemica da parte del Consiglio federale ha già fatto abbastanza danni al Popolo... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
14.05.2021, di Martina Bircher
Quando si parla di terrorismo pensiamo subito a Parigi, Berlino, Londra e Vienna, ma anche la Svizzera... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
14.05.2021, di Lars Guggisberg
I delegati dell'UDC Svizzera hanno indicato “libertà di voto” in merito alla legge Covid-19 in occasione della... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
14.05.2021, di Marcel Dettling
Le due iniziative agricole estreme che sono poste in votazione il 13 giugno sono estremamente pericolose. Non... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo