Giornale del partito UDC-Parlar chiaro maggio 2021

No alla distruzione dell’agricoltura svizzera

Le due iniziative agricole estreme che sono poste in votazione il 13 giugno sono estremamente pericolose. Non solo danneggiano i contadini e la produzione agroalimentare svizzera, ma anche l’ambiente.

Come spesso accade, i titoli delle iniziative sono accattivanti. Chi non vuole acqua potabile più pulita in Svizzera? Chi non vuole un terreno sano? Noi contadini lavoriamo ogni giorno fuori in mezzo alla natura. Lavoriamo con la natura e con gli animali. 365 giorni all’anno. Per poter rifornire la popolazione svizzera di cibo impeccabile, abbiamo bisogno di un suolo sano e di acqua impeccabile.

Gli agricoltori fanno molto per l’ambiente

Per questo motivo, gli agricoltori soddisfano la compensazione delle prestazioni ecologiche. Piantiamo siepi, rinnoviamo muri a secco, utilizziamo e manteniamo le aree di promozione della biodiversità, falciamo e manteniamo le brughiere. La legge impone all’agricoltura di garantire ben 70.000 ettari di aree per la promozione della biodiversità. Gli agricoltori ne garantiscono più di 190.000 ettari. L’obiettivo del Consiglio federale era di collegare il 50% di suddette aree. I contadini ne hanno collegate l’80%. Gli agricoltori hanno anche fatto molto in termini di uso di antibiotici. Negli ultimi 10 anni, l’uso di antibiotici è stato dimezzato. L’uso del glifosato è stato ridotto del 63% in un decennio. I contadini svizzeri sono sulla strada giusta.

E ora i promotori ci dicono che gli agricoltori stanno distruggendo la natura. Questo è semplicemente falso. Gli agricoltori hanno fatto per l’ambiente più di chiunque altro nel paese.

Il numero di capi di bestiame è in calo, la popolazione è in crescita

Si sostiene sempre che il numero dei capi di bestiame in Svizzera è troppo alto. Un’ulteriore notizia falsa. Ad esempio, nel 1990 il numero di bovini in Svizzera era di 1,8 milioni. Nel 2019, era di 1,5 milioni. La popolazione di maiali era di 1,7 milioni nel 1990. Nel 2019, si attestava a 1,3 milioni. Nello stesso periodo, però, la popolazione svizzera è cresciuta. Da 6,7 milioni a 8,5 milioni. L’UDC a lungo ha tentato di mettere un freno a questa crescita massiccia della popolazione, ma i rosso-verdi si sono messi di traverso. Preferiscono distruggere l’agricoltura del paese e portare la carne in Svizzera in aereo. Noi, per contro, vogliamo risolvere i problemi in casa e non spostarli all’estero.

Ancora più importazioni di cibo

Le due iniziative in questione causerebbero un’impennata nelle importazioni alimentari. Se verranno adottate, la produzione di cibo diminuirà in Svizzera di almeno il 40%. Se non saremo più autorizzati a usare pesticidi, non saremo più in grado di proteggere i nostri campi di grano, frutta e verdura. Interi raccolti andrebbero persi nel peggiore dei casi. Distrutti dai parassiti. Si creerebbero ancora più rifiuti alimentari. La coltivazione della colza non sarebbe più possibile in Svizzera, l’olio di palma verrebbe semplicemente importato come sostituto. Praticamente, la stragrande maggioranza degli alimentati proverrebbero dall’estero. La pandemia in particolare ci ha mostrato quanto sia complicato essere troppo dipendenti dall’estero.

Anche la produzione di cibo fa parte di una Svizzera libera e neutrale. Quindi, diciamo NO alle due iniziative agricole estreme.

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (SZ)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
14.05.2021, di Manuel Strupler
Il modello di successo della Svizzera si basa su capacità, diligenza, innovazione e responsabilità individuale. Ma questo... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
14.05.2021, di Thomas Aeschi
L'accordo quadro significherebbe la fine di una Svizzera indipendente continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
14.05.2021, di Marco Chiesa
La gestione della crisi pandemica da parte del Consiglio federale ha già fatto abbastanza danni al Popolo... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
14.05.2021, di Martina Bircher
Quando si parla di terrorismo pensiamo subito a Parigi, Berlino, Londra e Vienna, ma anche la Svizzera... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
14.05.2021, di Lars Guggisberg
I delegati dell'UDC Svizzera hanno indicato “libertà di voto” in merito alla legge Covid-19 in occasione della... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo