Giornale del partito UDC-Parlar chiaro novembre 2021

No all’iniziativa sulle cure infermieristiche – Sì a un sostegno rapido per il personale curante

Meglio un uovo oggi che una gallina domani. Seguendo questo proverbio, l’iniziativa sulle cure infermieristiche dovrebbe essere chiaramente respinta, perché solo allora entrerà in vigore il controprogetto. Ciò assicurerebbe che più infermieri siano formati rapidamente e che il nocciolo del problema sia affrontato. D’altra parte, l’iniziativa vorrebbe iscrivere nella costituzione come le prestazioni infermieristiche debbano essere remunerate, il che contraddirebbe l’attuale ordine delle competenze e sarebbe ingiusto nei confronti di altri settori.

L’iniziativa sulle cure infermieristiche contiene sei richieste concrete:

  • un numero sufficiente di infermieri professionisti qualificati
  • l’impiego di personale curante secondo le loro competenze e la loro formazione
  • la possibilità di uno sviluppo professionale
  • condizioni di lavoro adeguate
  • fatturare all’assicurazione sanitaria obbligatoria senza prescrizione medica
  • una remunerazione adeguata per le cure infermieristiche.

Vista la carenza di personale infermieristico, il Consiglio federale e il Parlamento hanno accolto queste richieste e hanno adottato un controprogetto indiretto molto generoso secondo l’opinione tutti i gruppi parlamentari, che soddisfa in pieno cinque di queste sei preoccupazioni. Nel caso di un sì all’iniziativa, la discussione sull’attuazione ricomincerebbe da capo con un esito incerto e richiederebbe tutti i quattro anni previsti dall’iniziativa.

I vantaggi della controproposta

Con le iniziative formative incluse nel controprogetto e con risorse finanziarie di quasi un miliardo di franchi svizzeri, il numero di professionisti infermieri qualificati potrebbe essere aumentato rapidamente. Ciò accompagnato dal fatto che le persone potrebbero poi essere impiegate secondo la loro formazione e si eviterebbe la sotto- o sovra- domanda. Allo stesso tempo, le inizitive formative permetterebbero lo sviluppo professionale di tutti gli infermieri, soprattutto perché fornisce anche un sostegno per i costi relativi al sostentamento. Con un maggior numero di infermieri ben formati, anche le condizioni di lavoro possono essere migliorate, soprattutto perché queste sono influenzate dalla disponibilità di un numero sufficiente di lavoratori qualificati. La controproposta prevede anche la fatturazione diretta dei servizi alla cassa malattia.

Smorzare la crescita dei premi

Nel controprogetto indiretto, tuttavia, il parlamento ha anche assicurato che gli aumenti dei costi per chi paga i premi della cassa malati siano mantenuti entro limiti. Per esempio, le associazioni dei fornitori di servizi sono tenute a concludere contratti con gli assicuratori per controllare lo sviluppo quantitativo dei servizi di cura che sono forniti senza l’ordine del medico. Al contrario, con l’iniziativa senza questa restrizione, ci si dovrebbe aspettare una crescita incontrollata dei costi. Questo non sarebbe giustificabile.

L’unico punto non adottato nella controproposta è il regolamento sulla remunerazione dei servizi di cura. Una regolamentazione dei salari nella costituzione a livello federale per un solo gruppo professionale sarebbe contrario al sistema e contraddirebbe l’attuale ordine delle competenze.

L’assistenza infermieristica può quindi essere rafforzata rapidamente ed efficacemente solo con un No all’iniziativa sulle cure infermieristiche, perché il controprogetto entrerà solo allora in vigore.

Contributi
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo