Giornale del partito UDC-Parlar chiaro settembre 2021

La sinistra vuole spremere la Svizzera

La politica della sinistra altro non è che tirare fuori i soldi dalle tasche dei contribuenti e gonfiare sempre di più lo stato. L’esempio più recente èl’iniziativa del 99%della GISO. La lotta dell’UDC contro questa dannosa politica parassitaria di sinistra è in pieno svolgimento. 

In primo luogo, la buona notizia: all’Assemblea dei delegati del 21 agosto nel bellissimo cantone di Friborgo, abbiamo finalmente potuto incontrarci nuovamente di persona. Anche se ai media mainstream non è piaciuto, l’intera famiglia UDC ha chiaramente apprezzato il contatto sociale e la discussione faccia a faccia. La democrazia prospera su questi incontri diretti, sullo scambio di idee tra la base, la leadership del partito e i rappresentanti del Popolo.

Anche questa è stata una dichiarazione chiara: i delegati hanno detto chiaramente NO alla legge Covid, sulla quale voteremo il 28 novembre. Grazie agli sforzi del nostro Responsabile delle Finanze Ueli Maurer, le aziende danneggiate hanno rapidamente ricevuto un sostegno economico.   Ma ora dobbiamo essere in grado di tornare alla normalità con concetti di protezione laddove sono necessari. Siamo favorevoli a un certificato Covid che possiamo utilizzare come servizio, ad esempio quando viaggiamo all’estero.  Ma il certificato non deve essere usato in modo politicamente improprio per discriminare e stigmatizzare le persone in Svizzera. Ecco perché l’UDC sostiene il secondo referendum contro la Legge Covid-19.

Oltre al NO al “matrimonio per tutti”, i delegati hanno chiaramente affossato l’iniziativa del 99% dell’estrema sinistra. Il desiderio dei giovani socialisti è estremamente pericoloso: spremere aziende e start-up, danneggiando l’economia e mettendo in pericolo i posti di lavoro. Con questo la sinistra sta distruggendo la Svizzera!

Sempre più tasse e tasse, sempre più regolamenti e divieti: questo è tipico della politica parassitaria della sinistra. Sono veri campioni del mondo nel tirare fuori i soldi dalle tasche dei cittadini. Ecco solo un esempio: come se il NO alla legge sulla CO2 non fosse mai esistito, stanno operando segretamente col fine di portare a un nuovo aumento del costo del carburante.  Non con l’UDC!

Stiamo combattendo questa politica parassitaria di sinistra a tutti i livelli. Le Città a trazione eco-socialista sono la dimostrazione di ciò che ci spetta se non fermiamo ora questa follia autodistruttiva. Sono laboratori dediti al paternalismo e al saccheggio del ceto medio..

Vorrei ringraziarvi per il vostro impegno contro i distruttori eco-socialisti della nostra prosperità – e per una Svizzera con cittadini responsabili!

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Presidente del partito UDC Svizzera (TI)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
10.09.2021, di Roger Köppel
Giornali, radio, televisione e piattaforme online riceveranno 150 milioni di franchi di tasse all'anno. Sono soprattutto i... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
10.09.2021, di Ueli Maurer
Il 26 settembre voteremo sull'iniziativa del 99%. I sostenitori del fronte rosso-verde pubblicizzano la proposta sulla loro... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
10.09.2021, di Magdalena Martullo-Blocher
Poiché i negoziati sull'accordo quadro sono stati interrotti, il Consiglio federale, sostenuto da tutti gli altri partiti,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
10.09.2021, di Monika Rüegger
Fin qui tutto bene. Ma cosa tratta realmente questo progetto? Tratta di diritti e di identità. Tratta,... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo