Giornale del partito UDC-Parlar chiaro aprile 2022

No alla donazione forzata di organi

La modifica della legge sui trapianti proposta dal Consiglio federale e dal Parlamento è molto vicina a rendere obbligatoria la donazione di organi e viola il diritto fondamentale all’integrità fisica e all’autodeterminazione garantito dalla Costituzione. Il progetto di legge dovrebbe quindi essere respinto. La carenza di organi dovrebbe piuttosto essere risolta convincendo la popolazione a donare volontariamente.

Grazie a un referendum riuscito, la popolazione potrà esprimersi il 15 maggio sulla modifica della legge federale sul trapianto di organi, tessuti e cellule (legge sui trapianti).

Oggi, una persona deceduta deve dare il consenso durante la sua vita per la donazione di un organo in modo che un trapianto possa avere luogo. Se non c’è consenso e nessun parente acconsente al prelievo di organi, ciò è vietato. In particolare, anche se non ci sono più parenti.

Il Consiglio federale e la maggioranza del Parlamento vogliono ora cambiare questo “modello di consenso” in una “soluzione di obiezione”. Coloro che non desiderano donare gli organi dopo la loro morte devono ora dichiararlo esplicitamente in anticipo. Senza obiezione e senza il veto del parente più prossimo, gli organi e i tessuti possono essere automaticamente rimossi dopo la morte.

Ciò rappresenta una notevole invasione nei diritti fondamentali, costituzionalmente garantiti, all’integrità fisica e all’autodeterminazione. In futuro, questo diritto fondamentale dovrebbe essere richiesto attivamente. Altrimenti, il proprio corpo degenera de facto in una proprietà statale che può essere usata a volontà quale magazzino di pezzi di ricambio.

Purtroppo, il modello dichiarativo non ha trovato una maggioranza
Anche se la donazione di organi è una questione sensata, importante e necessaria, ogni persona deve poter decidere volontariamente. Con la soluzione del “consenso presunto”, questa autodeterminazione è fortemente ridotta. In questo modo, ci saranno sempre persone che non sapranno che dovrebbero esprimere la loro opposizione alla donazione di organi in vita, se non vogliono che ciò avvenga contro la loro volontà. Non sarà mai possibile raggiungere tutte le persone con l’informazione necessaria. I parenti che dovrebbero decidere saranno poi esposti a notevoli pressioni per decidere in spirito di spirito di solidarietà, forse anche contro la volontà del defunto.

Naturalmente, c’è la necessità di aumentare il numero di donatori di organi. L’UDC ha tentato quindi di introdurre il “modello dichiarativo” durante il dibattito in Parlamento. Con questo modello, si scriverebbe a tutti i cittadini e li si inviterebbe a considerare la donazione di organi e, se possibile, ad acconsentire ad essa nei termini oggi in vigore. Purtroppo, questo modello non ha trovato una maggioranza parlamentare.

Nel difficile equilibrio di interessi tra la necessità di aumentare il numero di donatori di organi e il diritto fondamentale all’autodeterminazione sul proprio corpo, l’autodeterminazione deve prevalere in un Paese liberale come il nostro. Ecco perché è importante dire chiaramente “NO” alla revisione della legge sui trapianti.

Condividi articolo
Themen
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (BE)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
21.04.2022, di Marco Chiesa
I giornalisti e i politologi di sinistra stanno attaccando l’UDC. Non si rendono conto che siamo il... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
21.04.2022, di Magdalena Martullo-Blocher
Il divario nella fornitura di elettricità è drammatico, dice la Consigliera nazionale e imprenditrice Magdalena Martullo-Blocher. In... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
21.04.2022, di David Zuberbühler
La guerra in Ucraina ha sconvolto il mondo. Quello che molti non volevano più immaginare è ora... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
21.04.2022
Con la nuova legge sul cinema, lo Stato vuole di nuovo metterci sotto tutela. La cosiddetta "Lex... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo