Giornale del partito UDC-Parlar chiaro gennaio 2022

No all’iniziativa del divieto di pubblicità

Il 13 febbraio 2022, il Popolo svizzero si pronuncerà sull’iniziativa “Sì alla protezione dei bambini e dei giovani dalla pubblicità del tabacco”. In pratica, la proposta equivale a un divieto totale di pubblicità per il tabacco e i suoi derivati, nonostante un controprogetto indiretto efficace. Ciò va troppo oltre. È chiaro a tutti che molti prodotti possono mettere in pericolo la salute pubblica. Ma chiedere un divieto totale della pubblicità è un approccio errato.

La politica paternalista dei rosso-verdi dichiara che i divieti pubblicitari sono una panacea. Anche i cervelli dietro l’iniziativa dal titolo fuoriviante “Sì alla protezione dei bambini e dei giovani dalla pubblicità del tabacco” hanno ceduto a questo credo, confidando di poter prevenire comportamenti socialmente “indesiderabili” come il consumo di tabacco con il divieto della pubblicità. Così facendo, non si rendono conto che quasi nessuno inizia a fumare a causa della pubblicità. I fattori decisivi sono molto più la curiosità, la pressione da parte dei pari e l’ambiente personale. Uno sguardo ai nostri paesi vicini lo dimostra, il tasso di tabagismo è più alto in Italia e in Francia che in Svizzera. E questo nonostante il fatto che entrambi i paesi hanno avuto per anni severi divieti pubblicitari sui prodotti del tabacco.

Non è che l’inizio

Fa parte della libertà fondamentale economica e commerciale pubblicizzare i prodotti legali. Un divieto estremo il tabacco e i suoi prodotti derivati, come previsto da questa iniziativa, apre la porta a ulteriori interferenze nell’economia di mercato e nelle libertà fondamentali del popolo svizzero. Se il divieto di pubblicità per il tabacco e i derivati passa alle urne, altri divieti pubblicitari appariranno all’orizzonte. Ci sono già molte proposte di questo genere in cantiere. Richieste di limitare la pubblicità di carne, alcol, dolci, cibi grassi, viaggi aerei e automobili. Siamo minacciati da un paternalismo totale. I divieti pubblicitari estremi si basano su cittadini deboli che non possono assumersi la responsabilità del loro consumo. La libertà viene calpestata. Alcuni comportamenti possono essere indesiderabili da un punto di vista sociale, ecologico o sanitario, ma esigere semplicemente un divieto assoluto di poter fare pubblicità è l’approccio sbagliato.

Nuova legge sui prodotti del tabacco per una protezione efficace dei minori

In contrasto con l’iniziativa sul divieto di pubblicità, la nuova legge sui prodotti del tabacco è un mezzo efficace per prendere adeguatamente in considerazione la protezione dei minori dal tabagismo. È il controprogetto indiretto all’iniziativa estrema e contiene disposizioni mirate per proteggere i bambini e gli adolescenti, in particolare il divieto di vendita di prodotti del tabacco ai minori di 18 anni. Contiene anche un regolamento ragionevole per la pubblicità e la sponsorizzazione (divieto di affissioni pubblicitarie, divieto di sponsorizzazione in eventi di carattere internazionale, ecc.). Un approccio molto più mirato rispetto al semplice divieto pubblicitario totale iscritto nella Costituzione.

Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Gregor Rutz
Il pacchetto per la promozione dei media vuole aumentare i sussidi annuali agli editori dagli attuali 136... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Guy Parmelin
Affinché le aziende prosperino e creino posti di lavoro attraenti, non dovrebbero essere ostacolate da regolamenti onerosi.... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Martin Haab
L'iniziativa popolare "Sì al divieto della sperimentazione animale e umana - Sì ad approcci di ricerca che... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Diana Gutjahr
Il 13 febbraio 2022, voteremo sull'abolizione della tassa sulle emissioni (Tassa di bollo). Gli oppositori parlano di... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Marco Chiesa
La Svizzera rischia di rimanere senza elettricità già nel 2024 - con conseguenze catastrofiche per tutti gli... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Thomas Aeschi
Anni di pressione da parte dell'UDC hanno dato i loro frutti. Il 26 maggio 2021, il Consiglio... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo