Giornale del partito UDC-Parlar chiaro gennaio 2022

Non creiamo dipendenze: NO al pacchetto di finanziamento dei media

Il pacchetto per la promozione dei media vuole aumentare i sussidi annuali agli editori dagli attuali 136 milioni a 287 milioni di Franchi. Inoltre, c’è un nuovo orientamento: in futuro, il settore online sarà regolato e si va verso i sussidi diretti ai media. Tutto ciò è veleno per la democrazia e deve essere impedito alle urne il 13 febbraio.

Non sorprende che gli editori accolgano con favore il pacchetto di misure a loro favore del Governo federale. Si prospetta un vero e proprio colpo di fortuna. Meno per i contribuenti, che subiranno le enormi conseguenze finanziarie della legge sulla promozione dei media :

  • nella legge sulle poste, i contributi per la riduzione delle tariffe postali per il recapito di giornali e riviste in abbonamento e per gli enti associativi e le fondazioni saranno aumentati da 50 a 80 milioni di Franchi. Inoltre, le consegne del mattino presto e della domenica saranno sovvenzionate dallo Stato per un importo di 40 milioni di Franchi all’anno.
  • Nella legge sulla radiotelevisione, le quote di canone per le stazioni radio e le TV private saranno aumentate dall’attuale 4-6% al 6-8%. Ciò significa un aumento degli importi annuali da 81 a 109 milioni di Franchi. Inoltre, saranno destinati più fondi a misure generali di promozione dei media (formazione, agenzie di stampa
    , editoria informatica, ecc.)
  • La nuova legge federale sulla promozione dei media online prevede contributi annuali di 30 milioni di Franchi a sostegno dei portali online a pagamento che soddisfano i criteri prescritti dalla legge.

 

Questi flussi finanziari sono pericolosi. I sussidi rappresentano da sempre il punto di ingresso per le esigenze dello Stato. La disputa tra l’Ufficio Federale delle Comunicazioni e le emittenti locali TeleBärn e Tele Ostschweiz sul contenuto dei loro servizi parla chiaro. Non solo, i sussidi creano dipendenze finanziarie. Chiunque abbia seguito gli eventi in Austria sa che il finanziamento statale non rafforza l’indipendenza, ma ha l’effetto opposto. Anche i commenti del CEO di Ringier Marc Walder sulla copertura della pandemia da parte dei media del gruppo danno adito a sospetti.

L’affermazione che i sussidi rafforzino l’indipendenza deriva da una visione di sinistra di un’economia pianificata. Per la sinistra queste aziende sarebbero indipendenti perché non devono preoccuparsi delle entrate pubblicitarie e della soddisfazione dei clienti, tutto ciò grazie ai fondi statali. La democrazia e l’economia di mercato vivono, per contro, grazie alla concorrenza.

Le sovvenzioni previste per i media non rafforzano le piccole imprese editoriali nelle regioni. La maggior parte dei fondi andrà alle grandi case editrici. Anche grandi testate giornalistiche come il Tages-Anzeiger, il Blick o la NZZ beneficeranno dei sussidi.

Conclusione: votiamo NO il 13 febbraio. Salvaguardiamo la concorrenza economica – memori del fatto che anch’essa è fondamentale per una democrazia basata sulla pluralità, specialmente nel settore dei media.

Condividi articolo
Themen
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (ZH)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Guy Parmelin
Affinché le aziende prosperino e creino posti di lavoro attraenti, non dovrebbero essere ostacolate da regolamenti onerosi.... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Martin Haab
L'iniziativa popolare "Sì al divieto della sperimentazione animale e umana - Sì ad approcci di ricerca che... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Diana Gutjahr
Il 13 febbraio 2022, voteremo sull'abolizione della tassa sulle emissioni (Tassa di bollo). Gli oppositori parlano di... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Marco Chiesa
La Svizzera rischia di rimanere senza elettricità già nel 2024 - con conseguenze catastrofiche per tutti gli... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Mike Egger
Il 13 febbraio 2022, il Popolo svizzero si pronuncerà sull'iniziativa "Sì alla protezione dei bambini e dei... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Thomas Aeschi
Anni di pressione da parte dell'UDC hanno dato i loro frutti. Il 26 maggio 2021, il Consiglio... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo