Giornale del partito UDC-Parlar chiaro gennaio 2022

Per un futuro sicuro e in libertà!

Anni di pressione da parte dell’UDC hanno dato i loro frutti. Il 26 maggio 2021, il Consiglio federale ha interrotto i negoziati sull’accordo istituzionale tra Svizzera e UE. Ma Bruxelles sta già presentando nuove richieste alla Svizzera. Preservare la sovranità e l’indipendenza della Svizzera, e quindi la sua libertà, rimane il compito principale dell’UDC nella seconda metà di questa legislatura.

Nella prima metà della 51a legislatura 2019-2023, l’UDC ha ottenuto importanti successi in parlamento e alle urne. Il 26 maggio 2021, il Consiglio federale ha deciso di non firmare l’accordo istituzionale tra la Svizzera e l’UE e di interrompere i negoziati. Inoltre, la legge sul CO2 è stata respinta il 13 giugno 2021. Le due iniziative agricole estreme sono state respinte anche grazie agli sforzi dell’UDC. L’UDC ha ottenuto un altro grande successo presso l’elettorato, contro l’opposizione di tutti gli altri partiti, con il SÌ al divieto del burka. Così facendo, gli svizzeri hanno inviato un forte segnale contro l’Islam politico. Infine, l’UDC è riuscita a far sospendere dal parlamento la trattazione del Patto sulle migrazioni dell’ONU. Un patto che limiterebbe in modo massiccio l’autodeterminazione della Svizzera sulla sua politica degli stranieri e dell’immigrazione.

L’UDC deve ancora affrontare delle sfide nella seconda metà della legislatura. Il compito principale del nostro partito rimane la conservazione della sovranità e dell’indipendenza della Svizzera e quindi della sua libertà. L’UDC continuerà a combattere con veemenza le rinnovate richieste dell’UE per l’adozione automatica del diritto comunitario, la risoluzione delle controversie da parte della Corte di giustizia dell’UE, l’adozione delle norme sugli aiuti di stato dell’UE e i contributi regolari di coesione alla pari con quelli della Norvegia, membro del SEE.

Anche se il Popolo e i Cantoni hanno deciso quasi otto anni fa di controllare l’immigrazione attraverso tetti massimi e quote, questo mandato costituzionale non è stato ancora attuato. Negli ultimi otto anni, sono immigrate in Svizzera 438.000 individui in più rispetto a quanti sono emigrati. Ciò è più della popolazione della città di Zurigo. Senza contromisure, la Svizzera avrà più di 10 milioni di abitanti nel 2035 (1990: 6,7 milioni di abitanti). L’UDC sta lottando con veemenza per garantire che l‘immigrazione degli stranieri sia controllata in modo indipendente come deciso dal Popolo.

Oggi, circa 530 milioni di persone vivono in Europa – in Africa ce ne sono 1,25 miliardi. Mentre il tasso di natalità in Europa è piuttosto in calo, la popolazione dell’Africa si gonfierà fino a 2,5 miliardi di africani entro il 2050. Questo squilibrio di sviluppo porterà a movimenti migratori sempre più forti. Il reddito medio in Svizzera è di 78.000 franchi svizzeri, quello nell’UE è di circa 24.000 euro e quello in Africa di circa 2.000 dollari.  Tali differenze di reddito rappresentano un forte incentivo ad emigrare nel mondo globalizzato. L’UDC chiede quindi un ripensamento sulla politica d’asilo in modo che ai migranti economici che entrano nel nostro paese attraverso diversi paesi terzi sicuri non venga più concesso l’asilo. Inoltre, l’UDC chiede che in futuro il Popolo sia chiamato a decidere sull’ammissione delle cosiddette “quote di rifugiati”.

Una penuria di elettricità rappresenta una grave minaccia per la Svizzera e potrebbe diventare realtà in appena due o tre anni, secondo il Governo federale. Per evitare crisi energetiche imminenti, l’UDC chiede che l’obiettivo primario sia la sicurezza dell’approvvigionamento e quindi un aumento della produzione interna di elettricità. La Svizzera non deve dipendere dall’energia importata dall’estero, perché l’UE limiterà le esportazioni in caso di penurie (“EU first”). Inoltre, si deve puntare sull’energia idroelettrica e nucleare come pilastri affidabili dell’approvvigionamento elettrico svizzero, e la durata di vita delle centrali nucleari esistenti deve essere quindi estesa.

La neutralità armata della Svizzera, che risale alla battaglia di Marignano (1515), alla pace di Westfalia (1648) e al Congresso di Vienna (1815), deve essere preservata ad ogni costo, soprattutto negli attuali sconvolgimenti geopolitici. L’UDC respinge quindi fermamente l’adesione della Svizzera al Consiglio di sicurezza dell’ONU nel biennio 2023/24. E per garantire la protezione della popolazione contro i pericoli dell’aria, è imperativo votare contro l’iniziativa del GSoA “Stop F-35”.

Il federalismo e la democrazia diretta devono essere tutelati ad ogni costo. Sempre più competenze vengono sottratte ai cantoni e ai comuni e centralizzate dal governo federale o addirittura in organizzazioni internazionali.

Allo stesso tempo, le decisioni popolari non sono più prese sul serio, come ha dimostrato la mancata attuazione dell’iniziativa sull’immigrazione di massa (art. 121a della Costituzione federale) adottata da popolo e cantoni. L’UDC si oppone alle diffuse tendenze alla centralizzazione e si impegna a difendere i nostri diritti popolari.

Successi UDC per la Svizzera

  • Svizzera libera e indipendente assicurata (per ora): Il 26 maggio 2021, il Consiglio federale interrompe i negoziati sull’accordo istituzionale tra la Svizzera e l’UE, come l’UDC chiede da anni.
  • Pietra miliare per evitare una Svizzera da 10 milioni attraverso il controllo indipendente dell’immigrazione: sospensione del dannoso patto sulle migrazioni dell’ONU, che si tradurrebbe in una libera circolazione mondiale delle persone.
  • Sgravi per le piccole e medie imprese, le PMI e i cittadini: sono state ridotte le tasse (ad esempio l’imposta di bollo) ed è stata impedita l’introduzione di nuove tasse (ad esempio quelle sui biglietti aerei).
  • Salvaguardia della previdenza per la vecchiaia: sotto la guida dell’UDC, un compromesso borghese stabilizza il primo e il secondo pilastro.
  • Lotta contro una gestione della pandemia arbitraria e sproporzionata: grazie all’impegno dell’UDC, il ministro della sanità Alain Berset e la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale non hanno potuto fare quello che volevano in modo ancora più autoritario.
  • L’UDC fa luce nell’oscura Camera dei Cantoni: dal 2022, tutte le votazioni nel Consiglio degli Stati saranno pubblicate con una lista di nomi, proprio come nel Consiglio nazionale.

Come gli altri partiti danneggiano la Svizzera

  • L’estensione della norma penale antirazzista all’orientamento sessuale è stata approvata dal popolo il 9 febbraio 2020.
  • Il Parlamento ha detto sì alla “pensione ponte” il 19 giugno 2020 invece di risolvere il problema dell’immigrazione incontrollata.
  • Più di 11 miliardi di franchi per la cooperazione internazionale fino al 2024 sono stati decisi dal Parlamento il 21 settembre 2020.
  • L’iniziativa popolare UDC “Per un’immigrazione moderata (iniziativa per la limitazione)” è stata respinta dal popolo il 27 settembre 2020.
  • La legge sulla caccia è stata respinta dal popolo nella stessa data.
  • Il congedo di paternità di due settimane è stato approvato dal popolo nella stessa data.
  • Il Consiglio nazionale ha deciso di aumentare la quota per i cittadini di paesi terzi il 4 maggio 2021, il che significherebbe ancora più persone che immigrano in Svizzera.
  • Il matrimonio per tutti e la donazione di sperma per le coppie lesbiche sono stati approvati dal popolo il 26 settembre 2021.
  • L’iniziativa infermieristica, con la quale i sindacati chiedevano un contratto collettivo nazionale di lavoro che comprendesse un salario minimo nazionale, condizioni di lavoro uniformi e pensionamento anticipato, è stata accettata dal popolo il 28 novembre 2021.
  • La legge Covid 19 è stata approvata dagli elettori sia il 13 giugno 2021 che il 28 novembre 2021.
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Gregor Rutz
Il pacchetto per la promozione dei media vuole aumentare i sussidi annuali agli editori dagli attuali 136... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Guy Parmelin
Affinché le aziende prosperino e creino posti di lavoro attraenti, non dovrebbero essere ostacolate da regolamenti onerosi.... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Martin Haab
L'iniziativa popolare "Sì al divieto della sperimentazione animale e umana - Sì ad approcci di ricerca che... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Diana Gutjahr
Il 13 febbraio 2022, voteremo sull'abolizione della tassa sulle emissioni (Tassa di bollo). Gli oppositori parlano di... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Marco Chiesa
La Svizzera rischia di rimanere senza elettricità già nel 2024 - con conseguenze catastrofiche per tutti gli... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Mike Egger
Il 13 febbraio 2022, il Popolo svizzero si pronuncerà sull'iniziativa "Sì alla protezione dei bambini e dei... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo