Giornale del partito UDC-Parlar chiaro gennaio 2022

Sì all’abolizione della tassa sulle PMI e al rafforzamento della piazza economica svizzera

Il 13 febbraio 2022, voteremo sull’abolizione della tassa sulle emissioni (Tassa di bollo). Gli oppositori parlano di “imbroglio fiscale” e di un regalo alle grandi imprese. Trascurano il fatto che fino al 90% delle imprese colpite dall’imposta di bollo sono delle piccole e medie imprese. Questa tassa riduce il capitale proprio, cioè la sostanza e l’autonomia delle PMI, e indebolisce la Svizzera come piazza economica.

Il Parlamento e il Consiglio federale sperano che lo sgravio fiscale per le imprese fornisca impulsi positivi per l’economia nazionale. Soprattutto dopo la crisi pandemica, è importante non compromettere la ripresa delle aziene e soprattutto delle PMI. Come mostrano le cifre sul gettito fiscale, la tassa di emissione grava maggiormente sulle imprese quando l’economia è in recessione e le imprese dipendono da nuovi capitali propri per sopravvivere. In questo contesto, l’Amministrazione federale delle imposte prevede anche entrate superiori alla media nel 2021 dopo la crisi di Corona. Tali prelievi sono quindi assurdi da un punto di vista economico. Le aziende dovrebbero pagare le tasse quando fanno profitti, non quando sono in crisi.

Nella situazione attuale o dopo la crisi, i cuscinetti di capitale di molte aziende devono essere ricostruiti. I contributi degli investitori privati sono la soluzione ideale dal punto di vista dello Stato e del contribuente. Il finanziamento privato non grava sulle finanze pubbliche e quindi non porta a una montagna di debiti – a differenza dei contributi statali di sostegno.

Assicurare i posti di lavoro – rafforzare la piazza economica svizzera

Buone condizioni quadro sono essenziali per garantire posti di lavoro e inviare segnali positivi agli investitori. Se le tasse sono troppo elevate, il capitale degli investitori per la creazione e il mantenimento dei posti di lavoro migrerà all’estero.

La concorrenza internazionale per le sedi d’affari sta diventando visibilmente più dura. Questo è particolarmente vero per quanto riguarda l’aliquota fiscale minima attualmente discussa per le società attive a livello internazionale. La Svizzera deve ora concentrarsi sulla riduzione degli svantaggi fiscali locali, come la tassa sulle emissioni, che non dipende dai requisiti internazionali.

Agevolare l’innovazione

È nell’interesse della Svizzera che le start-up innovative e le giovani imprese possano crescere per beneficiare di nuove idee. Per farlo, sono fortemente dipendenti dal capitale, soprattutto nella fase di avvio. Le start-up devono pagare il denaro sotto forma di tassa di emissione prima di aver fatto anche un solo franco di profitto.

Sullo sfondo di queste considerazioni, un chiaro SÌ all’abolizione della tassa sulle PMI il 13 febbraio porterà ad un rafforzamento urgente della Svizzera come sede economica e dell’innovazione.

Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Gregor Rutz
Il pacchetto per la promozione dei media vuole aumentare i sussidi annuali agli editori dagli attuali 136... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Guy Parmelin
Affinché le aziende prosperino e creino posti di lavoro attraenti, non dovrebbero essere ostacolate da regolamenti onerosi.... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Martin Haab
L'iniziativa popolare "Sì al divieto della sperimentazione animale e umana - Sì ad approcci di ricerca che... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Marco Chiesa
La Svizzera rischia di rimanere senza elettricità già nel 2024 - con conseguenze catastrofiche per tutti gli... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Mike Egger
Il 13 febbraio 2022, il Popolo svizzero si pronuncerà sull'iniziativa "Sì alla protezione dei bambini e dei... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Thomas Aeschi
Anni di pressione da parte dell'UDC hanno dato i loro frutti. Il 26 maggio 2021, il Consiglio... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo