Giornale del partito UDC-Parlar chiaro giugno 2022

Come la Svizzera è passata da paese modello a paese in via di sviluppo

Solo pochi anni fa, la Svizzera era considerata un modello per una politica energetica sicura, economica e rispettosa dell’ambiente. In un batter d’occhio è diventato un Paese in via di sviluppo. La rotta è stata impostata in modo incauto nella direzione sbagliata. Le politiche irresponsabili della sinistra e dei verdi devono essere corrette con urgenza.

La Svizzera non ha una testa o una strategia quando si tratta di politica energetica. Nel contesto dell’iniziativa per l’abbandono pianificato dell’energia nucleare del 2016, il fronte rosso-verde ha sostenuto che la Svizzera potrebbe abbandonare l’energia nucleare “immediatamente” e senza alcuno svantaggio. Se l’iniziativa fosse stata accettata, la Svizzera si sarebbe immediatamente catapultata nel nirvana della politica energetica. Poco tempo dopo, la maggioranza di centro-sinistra ha promesso di eliminare gradualmente l’energia nucleare a un prezzo irrisorio, con la “strategia energetica” dell’ex consigliera federale Doris Leuthard (PPD). Anche in quel caso, i contrari hanno criticato la sottovalutazione delle conseguenze. La popolazione ha sempre rifiutato l’eliminazione graduale dell’energia nucleare se considerata in modo isolato. L’alleanza tra ideologi politici e profittatori dello Stato ha reso la proposta più digeribile per la maggioranza della popolazione. La politica energetica della sinistra era improvvisamente perfetta.

La sinistra impedisce la decarbonizzazione
Non appena la “Strategia energetica” è stata messa a punto, è seguito un clamore mediatico senza precedenti sul clima e sulla decarbonizzazione, che ha fatto sembrare gli obiettivi della strategia della Leuthard il caffè più freddo della Siberia a soli due anni dall’entrata in vigore. Anche il Consiglio federale ha dovuto ammetterlo: La strategia energetica è fallita. All’inizio di quest’anno Berna ha dichiarato che il deficit di energia elettrica invernale non può essere colmato senza nuove centrali a gas. I Verdi hanno applaudito e hanno già pregustato lo spegnimento di altre due centrali nucleari. Non appena il Consiglio federale ha formulato i piani per il gas, è scoppiata la guerra in Ucraina. Questo ha spinto i rosso-verdi a fare immediatamente marcia indietro, chiedendo un’accelerazione dell’abbandono di petrolio e gas. Ironia della sorte, è proprio la “strategia energetica” della sinistra a impedire una rapida decarbonizzazione.

La strategia energetica è stata salutata come “sicura, pulita e svizzera” durante la campagna referendaria. Le promesse si sono rivelate l’esatto contrario. Mai come oggi l’approvvigionamento del Paese è stato incerto. I prezzi sono aumentati in modo massiccio, minacciando le piccole e medie imprese e l’economia. Nel frattempo, la Svizzera ha perso 11 anni preziosi dall’annuncio dell’abbandono del nucleare a oggi, durante i quali non c’è stato un aumento significativo della produzione di elettricità invernale. Agli occhi della sinistra e dei verdi, la colpa è sempre degli altri, anche se loro stessi silurano tutti i progetti di espansione.

Profittatori e lobbisti governano da dietro le quinte
Questo modo di fare politica è poco serio, negligente e dannoso per la Svizzera. Invece di parlare di buone condizioni quadro, ora parliamo di razionamento dell’elettricità e di misure di emergenza. La politica energetica di sinistra è influenzata da profittatori e lobbisti che agiscono da dietro le quinte e manovrano personaggi politici nulli per ripetere la loro propaganda. Le discussioni che dovrebbero essere tecniche sono dominate da politici “minori”, per usare le parole del caporedattore del Sonntagsblick. È significativo che i fautori dell’attuale politica energetica si stiano innervosendo e nella loro disperazione usino anche parole forti, ora che anche loro si stanno lentamente rendendo conto che le loro promesse si stanno sciogliendo come neve al sole.

Condividi articolo
Themen
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (SO)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Manuel Strupler
La Svizzera da 10 milioni di abitanti sarà presto una realtà, con conseguenze devastanti per il nostro... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Thomas de Courten
Il sistema pensionistico è diventato pericolosamente squilibrato. Con la riforma dell'AVS che sarà sottoposta al voto il... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Thomas Aeschi
Negli ultimi anni, molti soldi dei contribuenti sono confluiti all'estero perché il recupero dell'imposta preventiva in Svizzera... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Marco Chiesa
Il ceto medio e le imprese stanno soffrendo per l'aumento massiccio dei prezzi del carburante. L'UDC si... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo