Giornale del partito UDC-Parlar chiaro giugno 2022

Prevenire il collasso della Svizzera – Porre fine all’immigrazione di massa!

La Svizzera da 10 milioni di abitanti sarà presto una realtà, con conseguenze devastanti per il nostro bel Paese. L’UDC sta quindi preparando una serie di contromisure. Tra queste, una nuova iniziativa.

In Svizzera ci stiamo avvicinando a passi da gigante al traguardo dei 10 milioni di abitanti. Negli ultimi anni sono arrivate in Svizzera in media 88.000 persone in più all’anno. Ciò equivale alla popolazione della città di Lucerna. Ogni anno!

L’eccesso è evidente nel confronto con la Germania. Il nostro vicino è quasi 10 volte più grande di noi. Dal 2000, tuttavia, la popolazione tedesca è cresciuta solo dell’1,3%, ovvero di 0,9 milioni di persone. E la piccola Svizzera? Abbiamo un’immigrazione massiccia: nello stesso periodo, la popolazione è cresciuta di 1,5 milioni, ovvero del 21%! Soprattutto attraverso l’immigrazione incontrollata.

Mi spaventa l’idea di una Svizzera di 10 milioni di persone. Non voglio lasciare ai miei figli una Svizzera ricoperta di cemento. Senza dimenticare che la guerra in Ucraina sta ulteriormente alimentando l’immigrazione. Quest’anno potrebbero arrivare nel nostro Paese più di 200.000 persone.

La proprietà della casa diventa inaccessibile
I problemi di questo afflusso sono di gran lunga superiori ai benefici. Dobbiamo cementificare sempre di più il nostro bellissimo paesaggio. Diventa sempre più difficile nutrire la popolazione in modo sicuro, mentre l’area di produzione agricola diminuisce. Presto non avremo più elettricità sufficiente per tutte le persone che vivono con noi. E non riusciamo più a gestire i trasporti pubblici e privati, con ancora più ingorghi sulle strade e affollamento sui treni.

L’afflusso permanente garantisce anche un aumento costante dei prezzi dei terreni e degli immobili. Sempre meno svizzeri possono permettersi di possedere una casa di proprietà. E naturalmente anche gli affitti stanno aumentando in modo massiccio. Per garantire la sicurezza è necessario un numero sempre maggiore di forze dell’ordine e di polizia. Visto che con l’immigrazione è dimostrato che aumentano anche i reati gravi. È necessario fornire costantemente nuove infrastrutture, soprattutto nei settori sociale, sanitario e dei trasporti. A causa del numero eccessivo di bambini di lingua straniera, lo standard della scuola primaria si sta abbassando e il dialetto sta diventando una lingua straniera.

Anche gli immigrati vogliono l’AVS
La carenza di lavoratori qualificati non sarà sanata dall’immigrazione, ma al contrario sarà aggravata. È un “gioco senza frontiere”. Più immigrazione c’è, più persone sono necessarie per farvi fronte: nelle scuole e negli ospedali, nello stato sociale, nel settore delle costruzioni e delle infrastrutture.

Inoltre, l’immigrazione non risolve il problema dell’AVS. Anche gli immigrati invecchiano e hanno diritto alla pensione. Queste rivendicazioni saranno “risolte” ancora una volta da una maggiore immigrazione? Questa non è una strategia a lungo termine per il nostro bel paese!

L’immigrazione massiccia danneggia la Svizzera e la sua popolazione. La SVP sta quindi esaminando delle varianti per evitare il collasso della Svizzera. Questo include anche un’iniziativa popolare per un freno alla crescita della popolazione. Nell’interesse della nostra bella Svizzera. Nell’interesse dei nostri figli e nipoti. Nell’interesse di un futuro sicuro e libero!

Condividi articolo
Themen
Circa l‘autore
Manuel Strupler
UDC Consigliere nazionale (TG)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Thomas de Courten
Il sistema pensionistico è diventato pericolosamente squilibrato. Con la riforma dell'AVS che sarà sottoposta al voto il... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Thomas Aeschi
Negli ultimi anni, molti soldi dei contribuenti sono confluiti all'estero perché il recupero dell'imposta preventiva in Svizzera... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Christian Imark
Solo pochi anni fa, la Svizzera era considerata un modello per una politica energetica sicura, economica e... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Marco Chiesa
Il ceto medio e le imprese stanno soffrendo per l'aumento massiccio dei prezzi del carburante. L'UDC si... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo