Giornale del partito UDC-Parlar chiaro giugno 2022

Sì alla riforma dell’AVS – Pensioni sicure subito e per tutti!

Il sistema pensionistico è diventato pericolosamente squilibrato. Con la riforma dell’AVS che sarà sottoposta al voto il 25 settembre, possiamo fare in modo che le generazioni future non rimangano a mani vuote. Solo gli ideologi di sinistra non riconoscono la gravità della situazione.

Una pensione sicura e l’indipendenza finanziaria in età avanzata. Questo è ciò che tutti noi vogliamo per la pensione. Il nostro collaudato sistema pensionistico svizzero si basa su tre pilastri. L’AVS assicura il sostentamento, la cassa pensioni assicura il tenore di vita abituale e, con il risparmio individuale aggiuntivo del 3° pilastro, ognuno dovrebbe potersi permettere un extra in età avanzata.

Questo concetto a tre pilastri si è dimostrato stabile e di successo. Tuttavia, è importante mantenere i tre pilastri in equilibrio. Se un pilastro vacilla, la stabilità dell’intero sistema è a rischio. Attualmente, ciò riguarda in particolare l’AVS, perché il rapporto tra contribuenti e beneficiari di pensione è diventato squilibrato. I tassi di natalità sono bassi e allo stesso tempo i baby boomer stanno raggiungendo l’età della pensione, mentre la popolazione nel suo complesso invecchia sempre di più.

Le donne ricevono un compenso
Le prospettive di finanziamento dell’AVS sono quindi poco rosee. Con il sistema attuale, cioè senza riforma, le entrate e le uscite si allontanano drasticamente. In cifre concrete: Nel 2033, le entrate di 58,6 miliardi saranno compensate da uscite di 63,3 miliardi di franchi. C’è quindi un divario di 4,7 miliardi. E questo si ripete ogni anno. Questo buco nero deve essere colmato dalle prossime generazioni, cioè dall’attuale popolazione attiva, se si vuole che anche in futuro ricevano una pensione sicura.

La riforma approvata dal Parlamento non risolve completamente il problema, ma lo attenua notevolmente. Combina un intero pacchetto di misure. L’età pensionabile per le donne passa da 64 a 65 anni. Questo aumento sarà compensato per una generazione di transizione di 9 anni di donne che stanno per andare in pensione. Se la riforma entrerà in vigore nel 2023, si tratterà di donne nate tra il 1960 e il 1968. L’età pensionabile delle donne sarà aumentata a scaglioni di tre mesi all’anno. Questa misura dovrebbe consentire di ridurre il deficit dell’AVS di dieci miliardi di franchi nell’arco di dieci anni. Le donne della generazione di transizione colpite riceveranno un indennizzo sulla loro pensione a vita. Possono percepire la pensione a partire dall’età pensionabile regolare e ricevere un’integrazione, oppure possono percepire la pensione in anticipo e avere un tasso di riduzione inferiore a quello delle donne non interessate dalla misura. Inoltre, viene applicata una progressione in base al reddito.

Gli ideologi di sinistra ignorano i fatti
La sinistra ha lanciato un referendum contro questo equilibrato compromesso parlamentare. Critica ideologicamente l’innalzamento dell’età pensionabile delle donne e polemizza sul fatto che l’AVS verrebbe stabilizzata a spese delle donne. In questo modo, però, si ignora completamente e si accetta consapevolmente che la mancanza di finanziamento delle pensioni sarebbe semplicemente trasferita alle generazioni future, cioè ai figli e ai nipoti delle generazioni di pensionati di oggi. Per questo è necessario un chiaro Sì alla riforma dell’AVS il 25 settembre.

Condividi articolo
Themen
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (BL)
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Manuel Strupler
La Svizzera da 10 milioni di abitanti sarà presto una realtà, con conseguenze devastanti per il nostro... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Thomas Aeschi
Negli ultimi anni, molti soldi dei contribuenti sono confluiti all'estero perché il recupero dell'imposta preventiva in Svizzera... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Christian Imark
Solo pochi anni fa, la Svizzera era considerata un modello per una politica energetica sicura, economica e... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Marco Chiesa
Il ceto medio e le imprese stanno soffrendo per l'aumento massiccio dei prezzi del carburante. L'UDC si... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo