Giornale del partito UDC-Parlar chiaro luglio 2022

Stop alle eco-utopie della sinistra – Come i rosso-verdi stanno facendo schiantare la Svizzera

La nostra fornitura di energia elettrica è già seriamente compromessa quest’inverno. Oltre a una politica energetica sbagliata, la colpa è dell’immigrazione di massa. L’UDC ha sempre combattuto contro entrambe.

Solo poco tempo fa, la Consigliera federale responsabile del dossier energetico Simonetta Sommaruga (PS) ha messo in guardia dai blackout elettrici nel 2025. Nel frattempo, ha ridotto drasticamente il periodo di allerta e si parla già del prossimo inverno 2022/23. Un blackout di questo tipo rappresenta una minaccia molto grave per la nostra economia, i nostri posti di lavoro e le nostre famiglie – persino peggiore del Covid-19. Poiché non esistono sistemi di alimentazione di emergenza. Computer, server, telefoni, illuminazione e ventilazione verrebbero improvvisamente meno. La maggior parte delle aziende dovrebbe mandare a casa i propri dipendenti. I sistemi di transazione monetaria, biglietti e registratori di cassa non funzionerebbero più e il sistema di gestione dei pagamenti crollerebbe. Masse di cibo andranno a male a causa dello stop dei sistemi di refrigerazione, e gli animali del settore agricolo non potrebbero più essere curati. Un’ora senza elettricità provoca danni economici fino a 200 milioni di franchi in Svizzera, un giorno senza elettricità tra i 2 e i 4 miliardi.

Il principale responsabile di questa imminente debacle elettrica è la politica del fronte rosso-verde. Essi sono i principali responsabili del fallimento della Strategia energetica 2050, con il suo divieto di utilizzo dell’energia nucleare, la dipendenza dalle importazioni dall’estero e l’illusoria speranza di un’energia svolazzante attraverso le fonti energetiche alternative. Sfortunatamente, nemmeno il PLR, il Centro e l’organizzazione di categoria Economiesuisse hanno avuto la forza di resistere a questo disastro. L’UDC ha dovuto portare avanti da sola i referendum contro la legge sull’energia e la legge sulla CO2. Una politica energetica irrealistica impedisce ora un approvvigionamento elettrico sicuro, conveniente e in gran parte privo di emissioni di CO2.

 

La colpa dell’esplosione demografica è degli altri partiti

Ma gli altri partiti e le associazioni imprenditoriali non sono solo responsabili dell’incombente debacle elettrica. Sono anche responsabili dell’esplosione demografica di questo Paese. Perché hanno sostenuto acriticamente la libera circolazione delle persone – a differenza dell’UDC – e hanno investito molto denaro nelle relative votazioni. Perché ne parlo? La libera circolazione delle persone è il principale motore dell’esplosione demografica in questo Paese. E le cifre lo dimostrano: senza questa esplosione demografica, oggi non avremmo problemi di approvvigionamento elettrico.

Tra il 2001 e il 2019, il consumo di elettricità dell’industria e dell’agricoltura è diminuito significativamente, mentre quello delle famiglie, dei servizi e dei trasporti è aumentato ancora di più. Sebbene il consumo di elettricità pro capite sia diminuito di oltre il 10%, nel complesso è aumentato in modo significativo. Fino al 2004 la Svizzera esportava elettricità netta anno dopo anno, ma da quando è stata introdotta la libera circolazione delle persone ha dovuto importare elettricità netta in diversi anni. Dal 2001, abbiamo assistito a un aumento del consumo di elettricità nelle famiglie e a una contemporanea diminuzione nell’industria di quasi il 20%. In questo periodo, il nostro Paese è cresciuto di circa 700.000 nuclei familiari.

Conclusione: la crescita della popolazione è chiaramente la ragione principale dell’aumento della domanda di elettricità. E quindi anche dell’imminente penuria elettrica.

Condividi articolo
Themen
Contributi
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Peter Keller
Il Consiglio federale e gli altri partiti stanno abbandonando scelleratamente la neutralità. Così facendo, mettono in pericolo... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Albert Rösti
L'UDC vuole tutelare il potere d'acquisto con sgravi fiscali mirati nel settore dei premi della cassa malati,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Sandra Sollberger
Senza una correzione di rotta, le entrate dell'AVS non copriranno più le spese già nel 2025. Dobbiamo... continua a leggere
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo