Articolo

Gli automobilisti e i pendolari verranno spennati

Coloro che necessitano di un’auto per lavorare in Svizzera saranno puniti in diversi modi. Con la legge sul CO2, le tasse aumentano ancora una volta in modo massiccio.

Agli autisti e ai pendolari in Svizzera viene chiesto di pagare sempre di più. Sono già stati spennati in modo massiccio con il decreto federale “Finanziamento ed espansione dell’infrastruttura ferroviaria (FAIF)”, che è stato adottato dal Popolo il 9 febbraio 2014. Il segreto di questo decreto era che conteneva uno svantaggio tributario non da poco per i pendolari. Un rospo amaro che doveva essere ingoiato se non si voleva compromettere l’intera proposta. 

I pendolari pagano più tasse

In concreto, la deducibilità delle spese di pendolarismo ai fini dell’imposta federale diretta è stata limitata a un massimo di 3000 Franchi all’anno. Ciò significa che gli automobilisti ora pagano imposte federali significativamente più elevate. 

La prossima mazzata giunge propria dalla legge sul CO2: la benzina e il diesel diventeranno fino a 12 centesimi più cari al litro. Questo colpirà particolarmente, i lavoratori e le piccole e medie imprese.

Chi non ha un autobus o un tram proprio fuori dalla porta di casa, come la consigliera federale Simonetta Sommaruga, ci rimetterà e parecchio. Coloro che vivono in campagna o un po’ lontano dai grandi centri urbani dipendono infatti dall’uso della propria auto.

Un chiaro “NO” il 13 giugno!

Non bisogna inoltre dimenticare che gli automobilisti devono già pagare oltre 80 centesimi al litro di carburante allo Stato. Praticamente la metà del prezzo finale alla pompa. E ora dobbiamo aggiungere altri 12 centesimi? Basta così!

Conclusione: la legge sul CO2 rende la vita e il lavoro massicciamente più costosi per le cittadine e cittadini svizzeri. Ecco perché abbiamo bisogno di un convinto “NO” il prossimo 13 giugno!

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Direzione del partito (ZG)
Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Peter Keller
Il Consiglio federale e gli altri partiti stanno abbandonando scelleratamente la neutralità. Così facendo, mettono in pericolo... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Thomas Matter
La nostra fornitura di energia elettrica è già seriamente compromessa quest'inverno. Oltre a una politica energetica sbagliata,... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo