Articolo

Associazioni professionali „comprate“

Le macchinazioni dei sostenitori di sinistra della Legge sul CO2 sono difficili da battere per audacia. Leggete il seguente articolo per scoprire come le associazioni professionali vengono comprate per spacciarsi per protettrici del clima e sostenitrici della legge sul CO2. Per far fronte agli elevati investimenti aggiuntivi derivanti dalla legge sul CO2, le stesse associazioni stanno attivamente mendicando denaro e diritti speciali dai membri del Consiglio Nazionale e del Consiglio degli Stati. Il resto dell’industria e le famiglie svizzere devono vedersela da sole come far fronte agli alti costi di implementazione della Legge sul CO2.

L’esempio di HotellerieSuisse in relazione alla legge sul CO2 mostra quanto possa essere sfacciata la politica. Per comprare le associazioni e portarle nel campo del Sì, le si adesca con i soldi della ridistribuzione della legge sul CO2, che penalizza due volte il resto dell’industria e la popolazione svizzera. Non solo devono sostenere i propri investimenti aggiuntivi, ma devono anche pagare i diritti speciali attribuiti alle associazioni al soldo dello Stato.

Infatti, HotellerieSuisse sollecita attivamente il denaro dello Stato e dei diritti speciali sia al Consiglio nazionale che al Consiglio degli Stati a causa degli “elevati investimenti supplementari che deve sostenere a causa del massiccio irrigidimento delle specifiche edilizie da parte del legislatore”. Evidentemente, l’associazione ha già ricevuto promesse vincolanti dai politici in relazione alla sua campagna di accattonaggio, perché la stessa associazione sta già promuovendo senza mezzi termini “un SÌ sostenibile alla legge sul CO2” in un comunicato stampa. L’associazione dei mastri costruttori e i tecnici dell’edilizia sentono anche l’odore di “nuove potenzialità” attraverso 450 milioni di franchi di denaro statale all’anno nella costruzione di edifici.

Da un lato, questo solleva la questione di quali altre associazioni sono state comprate dal campo del Sì con la prospettiva di ricevere denaro proveniente dal fondo per il clima. E in secondo luogo, ci si chiede chi sosterrà gli “alti investimenti aggiuntivi” per tutti gli altri settori professionali e per le famiglie svizzere. Il dipartimento di Sommaruga non ha ancora risposto a questa domanda.

Ciò che è certo è che i settori economici che sono attivi nel campo del Sì alla legge sul CO2 o sono beneficiari diretti della legge o sono stati semplicemente comprati. Ecco come funziona oggi la politica di ridistribuzione socialista. A coloro che saltano sul carro e si uniscono al campo del Sì vengono promessi soldi statali. A quelli che non si lasciano comprare e sopportano i propri investimenti, non resta altro che un pugno di mosche. Ci può essere solo una risposta a tutto ciò da parte dell’elettorato. No alla disastrosa Legge sul CO2!

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (SO)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
28.04.2021
La posizione risoluta del presidente Guy Parmelin a Bruxelles non deve oscurare il fatto che la maggioranza... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.01.2021
È positivo che la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale abbia accolto almeno alcune delle richieste dell'UDC... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo