Comunicato stampa

Snaturare l’inno nazionale e sciorinare sciocchi luoghi comuni sulla Svizzera romanda: il Gruppo parlamentare dell’UDC condanna l’imbarazzante esibizione in occasione della celebrazione dell’anniversario dei “175 anni della Costituzione federale”.

Quello che si è svolto oggi a Palazzo federale è stato uno spettacolo imbarazzante, al livello dei sabotatori climatici, anziché una celebrazione dignitosa dell’anniversario della Costituzione federale.

Il Gruppo parlamentare dell’UDC osserva che, in quanto rappresentanti eletti dal Popolo, non si poteva che essere imbarazzati da questo programma – soprattutto di fronte ai rappresentanti dei Cantoni che si erano recati appositamente nella Berna federale.

La “celebrazione” si è trasformata in un evento politicamente unilaterale e pieno di stupidi luoghi comuni sulla Svizzera romanda. La parodia dell’inno nazionale da parte di un sedicente cabarettista è stato il punto più basso dell’evento.

È del tutto incomprensibile che i due presidenti dei Consigli Martin Candinas (il Centro) e Brigitte Häberli-Koller (il Centro) abbiano dato la loro approvazione a questo spettacolo imbarazzante.

Condividi Stampa articolo

Il Gruppo parlamentare ha discusso anche della legge sull’energia. Se il Consiglio degli Stati non la correggerà, pagheremo un conto salato! La legge per un “approvvigionamento energetico sicuro con le energie rinnovabili”, elaborata dalla maggioranza di centro-sinistra in Consiglio nazionale, è soprattutto una cosa: una costosa farsa. La legge non garantisce un approvvigionamento energetico sicuro, ma comporta enormi costi aggiuntivi per la popolazione e l’economia. Il Gruppo parlamentare dell’UDC invita il Consiglio degli Stati a correggere questa sciagurata legge.

A meno di tre mesi dal voto sulla legge sul clima, la maggioranza di centro-sinistra sta ancora una volta ingannando la popolazione: il PS, i Verdi, i Verdi Liberali, il Centro e il PLR hanno approvato in Consiglio nazionale nuove norme e divieti con la nuova legge sull’energia (“Atto mantello”), che sarà molto costosa per la popolazione così come per ristoranti, alberghi, club sportivi e molte altre imprese commerciali. Non solo i tetti delle case esistenti e nuove, ma anche i campi sportivi e i parcheggi al di sopra di una certa dimensione dovranno essere rivestiti con pannelli solari.

Obbligo d’installazione di pannelli solari per edifici e parcheggi.
In particolare, la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio nazionale ha deciso di imporre l’obbligo di installare pannelli fotovoltaici per i seguenti edifici:

-per i nuovi edifici con una superficie del tetto di 300m2 o più;

-per i nuovi parcheggi con superficie pari o superiore a 500 m2 (a partire da circa 25 posti auto!);

-per i parcheggi esistenti con una superficie di 1.000 m2 (da circa 50 posti auto!).

Si tratta di una massiccia violazione dei diritti sulla proprietà e di un aumento dei costi di costruzione. I costi aggiuntivi dovranno essere sostenuti da inquilini, consumatori e automobilisti.

Aumento dei costi di parcheggio
Tutti i negozi di alimentari, i ristoranti, gli hotel, le panetterie, i club sportivi e tutti coloro che offrono più di 25 posti auto dovranno rivestire le loro aree di parcheggio con pannelli solari. Inoltre, sarà obbligatorio installare pannelli solari su tutti gli edifici con un tetto di oltre 300 m2. Questo regolamento si applica anche alle aziende agricole che stanno costruendo un nuovo fienile, ad esempio. A questo si aggiunge il fatto che i pannelli solari hanno una durata limitata e devono essere sostituiti ad un costo elevato dopo circa 20 anni.

Enormi parchi eolici e solari senza consultare la popolazione.
Allo stesso tempo, il PS, i Verdi, i Verdi Liberali, il Centro e il PLR vogliono limitare i diritti democratici della popolazione. La costruzione di nuovi parchi solari ed eolici sarà autorizzata a livello nazionale sulla base di interessi superiori. In parole povere, questo significa che la costruzione di questi enormi parchi potrebbe essere portata avanti ovunque in Svizzera senza consultare la popolazione interessata.

Costi elevati e tariffe elettriche ancora più care.
Il necessario potenziamento della rete elettrica per la sola energia solare è stimato in oltre 40 miliardi di franchi svizzeri. Questi costi renderanno i costi dell’elettricità ancora più elevati. Già quest’anno le famiglie dovranno pagare fino a 500 franchi in più per l’elettricità, e anche per il prossimo anno si prospettano massicci aumenti.

 
Di più sul tema
Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli Vedere i dettagli
Sono d'accordo