Editoriale

Coloro che distruggono la neutralità trascinano la Svizzera in conflitti esteri

Chi abbandona la neutralità distrugge le basi della pace e della prosperità in Svizzera. L’UDC rimane fedele ai suoi principi.

Peter Keller
Peter Keller
Consigliere nazionale Hergiswil (NW)
Condividi Stampa articolo

La politica svizzera è come un pollaio.

Il Presidente del’Alleanza del Centro (PPD) Gerhard Pfister vuole fornire munizioni e armi alle parti in conflitto. Fino a settembre 2021 l’Alleanza del Centro, assieme alla sinistra, limitava l’esportazione di materiale bellico. Pfister ha anche votato personalmente affinché la Svizzera non fornisse materiale bellico a paesi che sono “coinvolti in un conflitto armato interno o internazionale”. Ma cosa gliene importa all’ex PPD delle sue chiacchiere di ieri…?

Il presidente del PLR Thierry Burkart vuole che la Svizzera sia “legata” alla NATO. Questa eventualità trascinerebbe il nostro Paese in conflitti esteri. Anche la NATO conduce guerre di aggressione sotto la guida degli Stati Uniti. Pare quindi che il PLR voglia che i soldati svizzeri combattano e muoiano all’estero.

Il PS e i Verdi vogliono abolire l’esercito e disarmare i cittadini svizzeri. La loro solidarietà con gli ucraini è del tutto inconcepibile.

L’unico partito che si impegna coerentemente per una Svizzera sicura è l’UDC. Ciò include un esercito forte e la conservazione della neutralità.

La neutralità ci ha risparmiato conflitti sanguinosi e due guerre mondiali per oltre 200 anni. La Costituzione federale obbliga il Consiglio federale e il Parlamento a “preservare la neutralità” (articoli 173 e 185). La Svizzera non viene difesa in Ucraina, in Afghanistan o altrove, bensì in Svizzera.

Chi abbandona la neutralità distrugge le basi della pace e della prosperità in Svizzera. L’UDC rimane fedele ai suoi principi. Vogliamo una Svizzera sicura e neutrale. Ciò significa:

  • La Svizzera non deve lasciarsi trascinare in conflitti esteri.
  • La Svizzera deve sostenere con coerenza la sua neutralità totale e armata.
  • La sicurezza e il benessere del Popolo della Svizzera hanno la massima priorità.
  • L’esercito svizzero deve essere rafforzato. Dobbiamo essere in grado di difenderci in caso di emergenza. Ciò richiede un aumento significativo del budget dell’esercito e del numero di soldati.
  • Il Consiglio Federale dovrebbe offrire buoni uffici alla Russia e all’Ucraina per aiutare a portare la pace.
  • Il PS, come partito membro del Consiglio Federale, deve impegnarsi nella difesa della Svizzera e quindi nel sostenere l’esercito. La sinistra dovrebbe ritirare immediatamente la sua iniziativa contro i jet da combattimento.
  • Nessuna affiliazione alla NATO o alla Politica di Sicurezza e Difesa Comune dell’UE (PESCO). Questo ci trascinerebbe solo in conflitti esteri e metterebbe in pericolo la sicurezza del popolo svizzero.
Peter Keller
Peter Keller
Consigliere nazionale Hergiswil (NW)
 
Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli Vedere i dettagli
Sono d'accordo